Consigli Sorare: come fare una plusvalenza

Mikel Oyarzabal, Card Sorare

Uno degli obiettivi da poter conseguire su Sorare è sicuramente quello di portare a casa dei profitti importanti. Le strade che si possono percorrere a riguardo sono diverse, ma noi vogliamo soffermarci su una di tali opzioni in particolare: fare delle plusvalenze. Di sicuro questo termine non vi è nuovo, specie dopo quanto accaduto nell’inchiesta condotta, su diverse società italiane di calcio, dalla Procura Federale della FIGC riguardo le c.d. “plusvalenze fittizie”.

Cos’è una plusvalenza nel calcio?

Cos’è una plusvalenza nel calcio? In termini economici si parla di un “incremento di valore o una differenza positiva fra due valori dello stesso bene riferiti a momenti diversi”. Nel calcio l’esempio più chiaro che si può fare è quello riferito alla compravendita di un calciatore. Ipotizziamo un investimento di un club da 30 milioni di euro per acquistare un giocatore, che sarà anche il suo costo storico. Il suo valore contabile diminuirà di anno in anno per una quota determinata dal numero di anni di contratto siglati dallo stesso calciatore con la società nella quale milita.

Manolo Gabbiadini, Card Sorare
Manolo Gabbiadini, Card Sorare

Per ipotesi il giocatore firma per 5 anni e dunque la quota ammortamento per ogni stagione sarà pari a 6 milioni di euro (30/5). valore contabile scenderà così a 25 milioni dopo la prima stagione, a 20 milioni dopo la seconda, a 15mln dopo la terza e così via fino alla scadenza del contratto, quando il costo iniziale sarà completamente ammortizzato. E quindi come si crea la plusvalenza? Con la cessione del giocatore. Infatti la plusvalenza sarà determinata dal valore dell’offerta ricevuta, sottraendo il valore contabile di quel momento. Dunque, in caso di cessione dopo due anni a 50 milioni, e con valore contabile a quota 20 milioni, la plusvalenza sarà data da: 50-20=30 milioni.

Come fare una plusvalenza Sorare

Spiegato come si fa a crearla nel calcio, capiamo nel dettaglio come fare una plusvalenza all’interno del sito ufficiale Sorare. Una strategia molto buona da adottare è quella di acquistare un giocatore infortunato. Sì, avete letto bene. Perché un giocatore indisponibile per infortunio, che non potrà scendere in campo per alcuni mesi, potrebbe diventare una grande occasione per guadagnare nel medio-lungo periodo. Il momento migliore per acquistare un giocatore infortunato è quello che rientra nei primi tre giorni dall’infortunio.

Infatti questo è il periodo temporale (24-72 ore) in cui l’utente, che ha perso il giocatore per infortunio, non solo pensa ma è molto tentato di vendere la Card, non potendo far maturare punti e di fatto inutile ai fini dei campionati. Ovviamente ci sono delle condizioni da dover verificare prima di procedere all’acquisto in sede di calciomercato. Innanzitutto che non si tratti di un infortunio talmente grave da compromettere la carriera del giocatore. In secondo luogo che sia un giocatore titolare in linea generale e, per ultimo, che non sia un calciatore col contratto in scadenza. Se queste condizioni vengono rispettate, allora possiamo fare un’offerta importante ma al ribasso rispetto al valore effettivo di quel giocatore ‘sano’.

Federico Chiesa, Card Sorare
Federico Chiesa, Card Sorare

Ci sono casi accertati in cui l’infortunio ha permesso di aumentare notevolmente il guadagno, anche di 3x o 4x volte (come iniziare a guadagnare). Il consiglio è quello di acquisire più copie di quel determinato giocatore infortunato, ad esempio diverse limited e una rara, potendo generare così più di una plusvalenza. Si tratterà di generare guadagni meno alti con le limited, per restare al nostro esempio, ma decisamente più ingenti con la carta rara. E nel momento in cui, dopo che il giocatore sarà tornato a giocare e rendere al meglio,  percepiremo che il valore delle copie acquisite sta arrivando ad un valore massimo, potremmo venderle e generare proprio una o più gradite plusvalenze.