Sbostats Il banco vince sempre? Studia la sua statistica SCOPRI ORA!
Betfair 225€ Sisal Matchpoint 225€ 888sport 100€
Marathonbet 30€ Eurobet 210€ SNAI 305€

Come funziona il Matched Betting?

Andrea Dovizioso

Si sente molto parlare di Matched Betting, a volte anche a sproposito. Come tutti i metodi per guadagnare proposti online sono infatti molti coloro che lo additano alla stregua di una truffa, l’ennesima.

Si tratta di un giudizio molto duro, che probabilmente deriva dal fatto che ogni giorno nelle caselle di posta elettronica ci arrivano mail sconclusionate nelle quali si promettono guadagni mirabolanti, nell’ordine delle migliaia di euro, in capo a pochi minuti e senza alcuno sforzo. Per fortuna la maggior parte delle persone assennate sa benissimo che queste promesse sono appunto truffe e provvede a cestinare senza indugio queste comunicazioni.

Il problema è che poi una attività di questo genere provvede a spargere sospetti anche su pratiche che di truffaldino non hanno nulla e che potrebbero invece rivelarsi utili per guadagnare qualcosa.

Cosa si intende per Matched Betting?

Il Matched betting rappresenta una tecnica di carattere matematico. Si viene a realizzare operando una doppia puntata su due piattaforme distinte di betting online, praticamente caratterizzate dalla stessa quota, tale da rendere inutile azzeccare il risultato finale di una gara, ma al contempo da porre le basi per una vincita più o meno cospicua.

Naturalmente il fatto che non conti il risultato finale può far storcere la bocca a chi abbia letto sin qui, tanto da spingerlo a porsi una domanda ben precisa: se la quota è la stessa per le due puntate come faccio a guadagnare?

La spiegazione dell’arcano sta nel fatto che nelle due puntate non si investono soldi propri, ma quelli fittizi rappresentati dai bonus, ovvero le forme promozionali su cui fanno leva i bookmakers per attirare nuovi clienti e fidelizzare quelli già esistenti. Già il fatto che nel Matched Betting non si utilizzano soldi propri sembra escludere in partenza l’ipotesi della truffa.

Come abbiamo ricordato, la base per guadagnare è rappresentata dai bonus, d’ingresso o di mantenimento, proposti periodicamente ai giocatori per attirarli o fidelizzarli impedendo che decidano di trasmigrare su altra piattaforma. Occorre a questo punto ricordare come la politica promozionale in questione renda abbastanza difficile trarre realmente frutto dai bonus, mettendo una serie di paletti che sono congegnati proprio in modo tale da impedire che si trasformino in soldi a fondo perduto. Possono però diventare fruttuosi ove impiegati in uno schema di Matched Betting portato avanti nella maniera corretta, ovvero scegliendo due quote che vadano in pratica ad annullarsi o quasi.

Fatto ciò, scommettendo sui due possibili esiti di una gara su due diverse piattaforma, sarà possibile generare un guadagno del tutto indipendente dal risultato effettivo della gara scelta, annullando in partenza ogni possibile rischio.

Il Matched Betting è legale?

Se qualcuno ha pensato nel frattempo che sicuramente si tratterà di una forma di gioco illegale, occorre assicurarlo senza tema di smentita: il Matched Betting è assolutamente legale, in quanto non esiste una legge nel nostro Paese che vieti di dare vita ad una puntata di questo genere.

L’altra domanda che ci si può porre è poi la seguente: i bookmakers lo ammettono? Qui la risposta deve essere necessariamente più articolata. Se si fa un rapido giro d’orizzonte in rete, ad esempio sui forum che dibattono il tema, troveremo chi asserisce di essere stato bannato per aver cercato di approntare uno schema di Matched Betting e chi invece nega la possibilità. La verità sta ancora una volta nel mezzo: alcuni bookies, infatti, bannano chi lo fa, ma quelli più grandi non sanzionano la pratica.

Il perché di questo fatto è del tutto logico: chi cerca di sfruttare MB fa ancora parte di una ridottissima minoranza e peraltro non provoca alcun danno al fatturato del betting, spingendo quindi ad una pacifica sopportazione le piattaforme che, occorre ricordarlo, hanno il loro reale vantaggio non dal fatto che le puntate vadano in senso piuttosto che in un altro, ma che avvengano, formando volumi molto alti di giocate. Su ogni puntata, infatti, esse trattengono una provvigione del 5% che introitano indipendentemente dall’esito dell’evento.

Naturalmente chi fa Matched Betting deve però cercare di non esagerare e cercare di camuffare le proprie giocate. Per chi voglia sapere come si fa, consigliamo di leggere con attenzione questo articolo, in modo da eliminare in partenza il rischio di essere espulsi dal sistema e perdere la possibilità di guadagnare cifre che possono anche farsi interessanti.

Send this to a friend