_10€ _10€ 50€ + 20% su ogni deposito
100€ 100€ 305€

Fantacalcio: i Giocatori da Schierare nella 30ª Giornata di Serie A

Bottadiculo

Come ogni settimana su Bottadiculo trovi i consigli per schierare la migliore formazione possibile al Fantacalcio. Sabato 19 e domenica 20 marzo si giocherà la 30ª giornata di Serie A, ecco dunque le nostre dritte sui giocatori da schierare.

Consigli Fantacalcio: 30ª Giornata di Serie A

Questa volta il calendario di Serie A si concentra in due soli giorni, e aggiungerei finalmente!  Questo spezzatino risulta spesso indigesto non solo a chi è appassionato di fantacalcio, ma pure ai semplici appassionati di sport che faticano a seguire un torneo frammentato in date e orari che lo costringono ad un weekend non stop snervante.  Scherzi a parte ecco i consigli relativi ad una giornata che propone fior di partite, dalla delicatissima Roma-Inter di sabato sera al derby della Mole di domenica pomeriggio, per chiudere con un Milan-Lazio tutt’altro che banale.

Portieri: quali sono i più affidabili?

Pepe Reina non può mancare nelle formazioni titolari, il Napoli deve vincere e convincere a partire da una difesa che ha imparato a chiudere ogni spazio sacrificando parzialmente il lato estetico,  come si è visto a Palermo.  L’attacco del Genoa poi non è proprio tra i migliori del torneo ed è facile che il portiere partenopeo non prenda gol.  Viviano ha finalmente davanti a sè una difesa che lo tutela dagli assalti avversari e pur con qualche amnesia ancora presente,  si può dire che i gol subiti sono in netto calo. Buffon in odore di record imbattibilità merita il posto tra i titolari e se ci aggiungiamo le motivazioni derivanti da una corsa scudetto apertissima e da un derby mai banale,  ecco che ci sono tutte le premesse per una prestazione da numero uno.

Handanovic contro una squadra che viene da otto successi consecutivi e con un gioco di settimana in settimana sempre più convincente e travolgente. Sarà un sabato sera caliente e fossi in voi eviterei di schierarlo. Abbiati ha l’arduo compito di non far rimpiangere l’ottimo Donnarumma, ma l’ambiente dello spogliatoio non è dei migliori e quella con la Lazio potrebbe essere una partita da incubo vista la qualità delle punte biancocelesti. Perin è portiere che alterna parate incredibili a errori grossolani, specie quando l’avversario tira da fuori. Questa del San Paolo è forse l’occasione meno idonea per inserirlo in formazione, il potenziale dell’attacco avversario è troppo alto per rischiare un voto più che negativo.

Difensori: i più costanti del campionato

Conti è un ragazzino terribile, nel senso che sa fare benissimo la fase difensiva ma allo stesso tempo sa trasformarsi in uomo gol nell’area avversaria con incursioni sempre temibili. Blanchard è stato uno dei difensori migliori del Frosinone e la sua capacità di andare in rete o comunque creare scompiglio nell’area avversaria lo rende un ottimo elemento per chi punta spesso sul modificatore di difesa. Acerbi è difensore di buon rendimento e dal fiuto del gol sempre presente sia nelle partite casalinghe che esterne. Specie contro una difesa fragile come quella Udinese potrebbe entrare nel tabellino marcatori. Pezzella rappresenta una nota lietissima tra le giovani promesse della nostra serie A e la gara di domenica sera contro il Napoli ha secondo me consacrato un difensore che sarà protagonista del calciomercato e magari approderà anche in squadre di livello. Koulibaly giganteggia in una difesa che finalmente merita di essere chiamata tale e Sarri va lodato per aver saputo dare equilibrio ad un reparto che era il tallone d’Achille della squadra. Giocatore dal rendimento impressionante e che fa la fortuna di chi lo può inserire nella propria formazione.

Miranda è giocatore di grande temperamento, ma proprio per questo potrebbe sentire più del dovuto la partita contro la Roma e rischiare sanzioni arbitrali sotto forma di cartellino giallo,  se non addirittura rosso. Astori è passato dall’essere uomo mercato e giocatore utilissimo in Nazionale,  a rappresentare l’anello debole della difesa Viola, spesso impacciato, fuori tempo negli interventi, eccessivamente falloso, in poche parole un disastro totale! Adnan continua a deludere, non si capisce se abbia un ruolo non suo oppure sia proprio carente sotto il profilo della personalità, sta di fatto che mi aspettavo molto da lui ed invece ha disputato fino ad ora un campionato piuttosto modesto.

Centrocampisti: i migliori del 30° turno

Tello è giocatore vero, grande classe, velocità impressionante, piede educato,  uomo assist e buon realizzatore. Una sintesi di perfezione, da inserire sempre sia in trasferta che fuori.  Marrone arriva dalla scuola Juve e i suoi piedi spesso regalano perle di assoluta bellezza tanto che immaginare un suo futuro in una squadra blasonata non è poi un azzardo, anzi. Specie nel gioco di Del Neri rappresenta il fulcro del gioco e le potenzialità a livello di assist sono veramente da non sottovalutare. Bonaventura rappresenta il centrocampista moderno che abbina dinamismo,  tecnica, visione di gioco e grande fiuto del gol. Da lui bisogna sempre aspettarsi voti belli e tanti bonus, siano assist o reti.  Florenzi non finisce di stupire e continua a regalare assist e gol di qualità immensa. La faccia di Spalletti dopo il gol a Udine vale più di tante parole, siamo di fronte ad un fenomeno dal grande futuro. Jorginho sta disputando una stagione strepitosa dopo quella disputata a Verona e se penso che con Benitez vedeva poco il campo c’è da chiedersi se Sarri sia un genio o il tecnico esonerato un allenatore valutato troppo positivamente.

Kondogbia continua il suo percorso di giocatore senza identità che non emerge mai, effettua passaggi elementari di pochi metri e per di più è vittima di improvvise amnesie che permettono le ripartenze avversarie come nell’azione che ha portato al gol di Brienza e riaperto un match già chiuso. Roma non è proprio il palcoscenico adatto per lui.  Bertolacci è croce e delizia di ogni allenatore, nel senso che quando è in giornata sposta gli equilibri, ma quando si fa prendere dai nervi è come giocare in dieci e ultimamente si vede solo il lato peggiore di un centrocampista che dovrebbe rendere molto di più. Hiljemark si sta spegnendo pian piano dopo un avvio di stagione piuttosto positivo, forse coinvolto nella generale confusione societaria, ma sta di fatto che le sue prestazioni sono tutt’altro che costanti.

Quali Attaccanti schierare?

Higuain, e chi se no? Un bomber vero che ora ha pure ripreso fiducia dagli undici metri e si appresta a incrementare la sua media gol contro un Genoa che non è proprio imbattibile. Con Sarri è letteralmente esploso e la squadra ha capito come servirlo e assecondarlo.  Salah finalmente è esploso in tutto il suo raffinatissimo repertorio con assist geniali e gol capolavoro. Il supporto tattico predisposto da uno Spalletti lungimirante sta esaltando le sue caratteristiche e non si può non immaginare un finale di stagione da assoluto protagonista. Quagliarella è in forma finalmente e la sua presenza in attacco sta diventando decisiva per una Sampdoria che sta vivendo una stagione disgraziata nonostante individualità non certo di basso profilo. I gol stanno arrivando e saranno numerosi alla fine di queste nove giornate, c’è da scommetterci. Sansone viene spesso sottovalutato anche in chiave mercato, ma rappresenta un autentico valore aggiunto nel reparto offensivo del tecnico del Sassuolo. Giocatore dal piede sensibile abbina gol favolosi a una dinamicità che aiuta i compagni a trovare spazi nelle difese avversarie impegnate a tamponare le sue incursioni. Immobile è forse sprecato in questo Torino, giocatore di grande qualità che sembra rinato dopo la pessima esperienza all’estero. La doppietta di Marassi conferma il suo ottimo stato di forma e il derby potrebbe esaltarlo oltre misura.

Le Probabili Formazioni del 30° Turno di Campionato
Tutti i Pronostici della 30ª Giornata di Serie A

Send this to a friend