_10€ _10€ 50€ + 20% su ogni deposito
100€ 100€ 305€

Consigli Fantacalcio: i Giocatori da Schierare nella 35ª Giornata

Bottadiculo

Solo quattro turni alla fine del campionato e non c’è nemmeno il tempo di elaborare la sconfitta o la vittoria nei vari fantatornei, che subito bisogna preparare di corsa la formazione per il 35° turno, visto che sabato sera ci sarà il primo anticipo tra Inter e Udinese. Ecco i nostri consigli per schierare al meglio le vostre fantasquadre e sciogliere eventuali dubbi.

Portieri: i più affidabili

Up

Donnarumma sarà impegnato a Verona dove la squadra locale ha il morale sotto i tacchi e una sterilità offensiva desolante. Occasione per mettere in mostra tutto il suo miglior repertorio. Viviano autore di una prestazione da incorniciare a Sassuolo dove ha messo in mostra un repertorio da brividi con parate di assoluta qualità terminate con il rigore neutralizzato allo specialista Berardi. Da schierare senza indugio. Sportiello potrebbe essere il protagonista di questo turno di campionato, visto che l’Atalanta se la vedrà con una squadra praticamente salva, che potrebbe anche giocare una partita opaca dal punto di vista offensivo.

Down

Reina sarà protagonista di una partita ad alto rischio, contro uno degli attacchi più devastanti del torneo e con una difesa partenopea che non lo tutela in modo adeguato. Sicuramente la partita meno idonea per inserirlo in squadra. Consigli è reduce dal clamoroso autogol di Firenze di settimana scorsa e non sembra attraversare uno stato di forma generale adeguato. Fossi in voi eviterei di schierarlo. Handanovic è uno dei migliori nel suo ruolo, ma in un contesto dove l’Inter non ha molto da chiedere ad un campionato ormai definito nelle sue posizioni, potrebbe essere a rischio di gol subiti, anche perché i Friulani tradizionalmente a San Siro fanno spesso bella figura.

Difensori: quali schierare?

Up

Glik sta chiudendo una delle sue stagioni non certo migliori, ma le ultime prestazioni fanno ben sperare, specie quella dell’Olimpico contro uno degli attacchi migliori del torneo. Tutti stanno aspettando il suo primo gol e magari nelle ultime esibizioni può regalare il famoso “+3” a cui nel passato campionato eravamo abituati. Paletta ha timbrato il cartellino nella partita più delicata della stagione, confermando di essere uno dei difensori migliori della Serie A. Ansaldi non finisce di stupire e contro l’Inter ha sfornato una prestazione da cerchietto rosso, con voti superlativi da parte di tutti i giornalisti sportivi. Bravissimo anche in ottica gol, solo un grande Handanovic ha impedito al terzino di esultare sotto la curva.

Down

Lazaar sta deludendo tutti dopo stagioni in cui sicuramente era considerato uno degli esterni migliori in circolazione. In una partita dove sarà alta la tensione potrebbe essere il tallone d’Achille del Palermo, specie per le sostituzioni vissute in modo polemico. Manolas pur protagonista di una partita da incorniciare contro il Torino, in cui ha pure segnato il gol del momentaneo pareggio, potrebbe soffrire oltre misura la presenza di Higuain e le tensioni di una partita particolarmente sentita. Rudiger alterna prestazioni molto positive ad altre imbarazzanti e considerando una velocità di base non certo impressionante, potrebbe soffrire la rapidità del tridente partenopeo.

Centrocampisti: chi scegliere?

Up

Suso sta attraversando un momento di forma strepitoso, peccato che sia arrivato a fine campionato, perché altrimenti avremmo assistito ad un bottino di gol importante da parte dell’ex milanista. Pogba non ha brillato nell’ultima uscita mangiandosi pure un gol incredibile davanti al portiere, ma la classe e lo stato di forma sono elementi che lo rendono tra i migliori interpreti del ruolo. Khedira meriterebbe un capitolo a parte, poche apparizioni ma tutte di una qualità assoluta, uno dei protagonisti assoluti di questo ennesimo scudetto bianconero. Per la serie poche apparizioni ma buone e decisive. Brozovic non è costante a livello di rendimento, ma sicuramente rappresenta uno dei migliori centrocampisti non solo di casa Inter, ma di tutto il campionato. Perisic ha fallito un gol incredibile a Marassi ma merita fiducia, giocatore troppo forte nell’uno contro uno e con uno spiccato fiuto sotto porta, se in giornata può strappare un voto alto con relativo bonus, che sia assist o rete. Pjanic deve fare la differenza, ora più che mai, nel match che può dare la svolta definitiva in chiave secondo posto. Abilissimo nei calci piazzati e come uomo assist, merita sempre un posto nel centrocampo delle vostre fantasquadre. Nainggolan è il guerriero indomabile che spezza la partita in due e sposta gli equilibri. Indispensabile nel centrocampo giallorosso, specie in un match dove in mezzo al campo si deciderà la partita. Candreva ritorna in squadra finalmente, perché la sua assenza si vede ad occhio nudo per il suo essere giocatore universale, capace di saper crossare come pochi, andare in rete nelle modalità più diverse e per la sua velocità e il suo incedere che apre spazi decisivi per gli inserimenti delle punte biancocelesti. Parolo sta attraversando uno stato di forma ottimo e con un fiuto del gol sempre notevole, rappresenta uno dei centrocampisti con il più alto potenziale da bonus del fantacalcio.

Down

Hiljemark è giocatore di discrete capacità tecniche, non supportate però da una forte personalità, aspetto, questo, che lo mette in difficoltà nel contesto relativo alla lotta per non retrocedere. A Frosinone per lui sarà durissima e ho molti dubbi sulla sua capacità di essere all’altezza di un vero e proprio spareggio salvezza. Kondogbia torna tra i titolari, ma personalmente non credo ad una sua grande prestazione, anzi tutto il contrario, specie in un momento in cui i nerazzurri sono praticamente fuori dai giochi per il terzo posto e quindi a rischio di un crollo verticale di rendimento. Baselli ha deluso le attese di tutti gli addetti ai lavori e dubito possa chiudere la stagione in un modo diverso di come l’ha disputata. Un vero peccato per un giocatore che sarebbe servito anche in ottica nazionale. Speriamo che la pausa estiva lo aiuti a capire i motivi del suo campionato deludente.

Attaccanti: chi schierare?

Up

Borriello sta conoscendo una seconda giovinezza e sinceramente non capisco come squadre di alta classifica come Roma, Inter e Napoli non pensino di averlo in rosa per mettere quel mix di esperienza e qualità in reparti che non sempre brillano per continuità. “Pavoletti is back” si potrebbe dire scimmiottando un famoso verso utilizzato per Valentino Rossi. Giocatore dalla personalità debordante, si fa sentire in area di rigore come pochi per la sua fisicità abbinata ad una buona propensione al gol. Contro una difesa felsinea non impeccabile potrebbe andare puntualmente a segno. Kevin Lasagna non è più una sorpresa, attaccante dalla velocità impressionante e dotato di piedi educati, può essere senza dubbio decisivo in un match che richiede la vittoria senza se e senza ma. Dybala sta meglio e la doppietta contro la Lazio supportata dalle solite devastanti giocate in mezzo a campo hanno confermato, se ce ne fosse ancora bisogno, di come sia uno dei gioiellini del nostro campionato. Ciofani ha timbrato il cartellino allo stadio Bentegodi, ma purtroppo non è servito a nulla visto che la sua squadra è stata seppellita di reti dai Clivensi. Nello scontro diretto è atteso come match winner e chi l’ha in rosa non deve esitare a buttarlo nella mischia, la fragile difesa rosanero potrebbe regalare praterie invitanti a questa giovane punta. Vazquez è l’unico giocatore che può aiutare il Palermo a uscire dall’incubo retrocessione. Classe da vendere e piedi raffinati compensano una velocità di base non eccelsa. Carlos Bacca dovrebbe andare a nozze contro una delle peggiori difese del torneo, se in giornata e se servito a dovere potrebbe addirittura siglare una doppietta! Salah è atteso alla prova del nove, mai come lunedì può conquistare il cuore della tifoseria giallorossa, affossando un Napoli fortissimo in una partita sentitissima da tutto l’ambiente romanista. Viste le criticità evidenti della retroguardia azzurra, può diventare il giocatore che spacca in due la partita. Higuain ritorna dopo la squalifica, e dopo la rabbia accumulata in queste settimane condite da feroci polemiche per i fatti di Udine è chiamato a trascinare il Napoli contro una difesa giallorossa che sta perdendo colpi.

Down

Berardi è apparso come al solito nervoso e sprecone, riuscendo addirittura a sprecare un calcio di rigore decisivo nel finale della partita contro la Sampdoria. Non c’è da fidarsi troppo di lui, anche perché ho come l’impressione che il cartellino rosso sia alle porte per lui. Gilardino è sul viale del tramonto e non so proprio quanto possa incidere nella lotta per non retrocedere, che richiede giocatori al top della forma e non con le polveri bagnate come l’ex campione del mondo. Toni ha esaurito le energie mentali e fisiche, ormai l’età non più verdissima si fa sentire e specie contro una difesa dinamica come quella rossonera potrebbe patire oltre misura la marcatura asfissiante. Dzeko partirà dalla panchina e che non vi venga in mente di schierarlo, rischio assolutamente inutile, specie dopo le parole di Spalletti, che praticamente lo ha scaricato e bocciato definitivamente. Lento, impreciso, senza carattere, un mix letale che lo rende una pessima scelta.

Le probabili formazioni della 35ª giornata di Serie A
Pronostici Serie A 23-24-25 Aprile

Send this to a friend