_10€ _10€ 50€ + 20% su ogni deposito
100€ 100€ 305€

Consigli Fantacalcio: i Giocatori da Schierare nella 37ª Giornata

Bottadiculo

Siamo ormai giunti alla fine della stagione e per tutti i fantacalcisti si stanno chiudendo i giochi nei rispettivi tornei. Alcuni avranno già brindato matematicamente, ma esistono situazioni in cui è tutto da definire a livello di premi e qualsiasi scelta potrebbe risultare determinante. Ecco per voi i suggerimenti per la penultima giornata di campionato.

Portieri: i più affidabili

Up

Mirante sta disputando una stagione con i fiocchi e contro un attacco milanista non al meglio della condizione potrebbe ripetersi con voti anche di un certo livello. Handanovic alle prese con un match casalingo contro un Empoli senza motivazioni particolari, il cui attacco è calato paurosamente di rendimento nel girone di ritorno. Sicuramente una delle scelte meno rischiose di questo turno di campionato. Szczesny pur con due gol subiti contro il Genoa, ha saputo essere protagonista di parate incredibili che sono risultate decisive in ottica risultato finale, specialmente quella a tempo scaduto a mio parere straordinaria. Contro il Chievo dovrebbe essere nuovamente tra migliori portieri della giornata. Lamanna è un degno sostituto di Perin, pur reduce da gol a grappoli subiti contro Carpi e Roma, figli però di situazioni particolari, ovvero l’inferiorità numerica a Modena e un attacco tra i più prolifici del nostro campionato contro il quale non è difficile subire due o tre gol. Nel derby potrebbe anche esaltarsi e lo suggerisco per chi ama l’azzardo.

Down

Donnarumma è stato autore di partite di grandissimo livello, ma l’ultima esibizione contro il Frosinone ha lasciato tutti perplessi, specialmente in occasione della punizione che ha portato al raddoppio degli ospiti. Ingenuità figlia dell’inesperienza che in un contesto particolare come quello attraversato dai rossoneri, potrebbe essere penalizzante per un portiere dalle indubbie potenzialità. Sorrentino è un portiere dalla grande personalità che spesso ha saputo impedire gol importanti e salvare la sua squadra da sconfitte certe. In quel di Firenze però avrà di fronte uno degli attacchi migliori della massima serie, che contro il Palermo potrebbe anche creare numerose palle gol. Rischio troppo grosso da correre a mio avviso. Buffon dovrà mantenere la concentrazione altissima in una domenica dove il reparto difensivo sarà a dir poco improvvisato, ma la mancanza di motivazioni alla lunga potrebbe influire negativamente sulla prestazione, ci sono scelte più interessanti a mio avviso. Bizzarri è portiere di grande qualità che spesso chiude le partite con pochi gol al passivo o voti di un certo peso. Quella dell’olimpico però appare una delle gare meno indicate per schierarlo. Viviano ha parato recentemente due calci di rigore e si è reso protagonista di parate superlative. Ma in un derby così caldo e con una difesa che fa acqua da tutte le parti, potrebbe essere a rischio di brutte votazioni e qualche gol al passivo. Reina se la vedrà contro un Torino in gran forma e conoscendo l’andamento non certo esaltante del Napoli lontano dallo stadio San Paolo, potrebbe rivelarsi una scelta sbagliatissima, specie considerando la tendenza del numero uno partenopeo a svarioni clamorosi in situazioni non certo critiche.

Difensori: quali schierare?

Up

Widmer sta chiudendo la stagione con prestazioni di livello e specie in questa partita sarà necessario il suo apporto in fase offensiva. Visto lo stato psico-fisico del giocatore, non sarebbe opportuno lasciarlo in panchina. Acerbi è giocatore di personalità che specie in partite chiave di questo tipo fa la differenza. Potrebbe anche scapparci il gol per la gioia di chi punta sul modificatore di difesa. Ansaldi è giocatore vero che fa la differenza a qualsiasi livello, in un derby tanto sentito c’è da aspettarsi una prestazione con i fiocchi. De Silvestri ha grande personalità e nell’ultimo impegno casalingo contro la Lazio ha pure messo la firma sulla vittoria blucerchiata con tanto di gol. Giocatore di sicuro rendimento da inserire senza indugio. Zappacosta ha trovato poco spazio nel Torino, ma è pur sempre un esterno in grado di giocate di grande impatto sul match, oltre ad una propensione al gol da non sottovalutare. Contro il Napoli potrebbe trovare le giuste motivazioni per una grande prestazione.

Down

Juan Jesus ritorna titolare e questa potrebbe non essere una buona notizia viste le ultime esibizioni. Giocatore modesto e spesso iperfalloso che spesso viene sanzionato con cartellini che abbassano voti già di loro modesti. Ranocchia confermatissimo al centro della difesa doriana e dopo lo svarione di Palermo mi chiedo sinceramente con che coraggio, visto che il derby si giocherà a ritmi vertiginosi non certo adatti ad un giocatore dalla debole personalità. Izzo è difensore di temperamento focoso,  che contro il Carpi gli è costato l’espulsione e in vista del derby promette ulteriori problemi. Fossi in voi eviterei il suo inserimento. Maksimovic è passato da essere uomo mercato, a difensore che ancora non ha smaltito i postumi del grave infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi da gioco per alcuni mesi. Contro il Napoli potrebbe subire la velocità delle punte partenopee.


Alt! Abbiamo un regalo per te.

Vuoi ricevere 500€ di bonus per scommettere? Registrati automaticamente a più bookmakers contemporaneamente e riceverei un bonus mai visto prima. Che aspetti? È facile e veloce. Tu non devi fare niente, solo incassare i tuoi 500€. PRENDI IL BONUS


Centrocampisti: chi scegliere?

Up

Diawara sarà il pezzo pregiato del mercato estivo, giocatore da grande squadra nonostante un’età verdissima e che nel suo ruolo ha pochi giocatori sullo stesso livello, almeno per quanto riguarda il nostro campionato. Contro il Milan potrebbe essere devastante. Bruno Fernandes meriterebbe un’altra piazza per le qualità indubbie sia dal punto di vista tecnico, che su quello tattico. A Bergamo è chiamato alla grande prova per aiutare la squadra a uscire dalla zona retrocessione. Biglia è un centrocampista di grandi qualità, con l’unico difetto di avere grandi problemi a livello fisico che ne impediscono presenze più numerose. Discreta la sua propensione al gol, che per un centrocampista è importantissima a livello di fantacalcio. Contro il Carpi potrebbe fare la differenza e timbrare il cartellino nella tabella marcatori. Candreva ha segnato pure contro l’Inter, dimostrando di essere uno dei migliori giocatori del nostro campionato anche in una stagione non certo da incorniciare. Giocatore universale per antonomasia, non si può proprio lasciarlo fuori dai titolari, anche perché la difesa del Carpi non è proprio imperforabile, anzi. Tello arriva dal Barcellona non per caso, giocatore di grande tecnica e velocità che manca solo a livello di continuità. Se in giornata può essere decisivo sia a livello di assist e gol realizzati. Borja Valero è un numero dieci di grande qualità che quest’anno ha disputato un campionato di altissimo livello. Rendimento sempre assicurato e presenza da confermare nelle vostre fantasquadre. Perisic contro l’Empoli potrebbe essere un giocatore determinante a livello tattico per la sua grande capacità di saltare l’uomo e creare la superiorità numerica, oltre alla solita propensione al gol che ne fa uno dei centrocampisti più interessanti del nostro campionato. Nainggolan atteso dalla solita prova di grande spessore che spesso permette di risolvere partite complicate come quella contro il Napoli, decisa da un suo eurogol a due minuti dalla fine. Perotti ha trovato la sua dimensione ideale alla Roma, dove è migliorato pure a livello di capacità realizzative e contro il Chievo potrebbe rappresentare l’elemento che sposta gli equilibri e permette ai compagni di andare in rete. Suso è uno dei centrocampisti migliori approdati al nostro campionato, che dopo aver passato momenti bui con la maglia rossonera, ha finalmente espresso tutte le sue qualità con il Grifone, segnando pure gol di grande qualità. Il derby può rappresentare un’occasione per entrare ancora di più nel cuore della tifoseria Genoana. Allan contro l’Atalanta è tornato a fare la differenza in mezzo al campo colpendo pure una clamorosa traversa. A Torino è atteso da una prova di maturità visto che il match vedrà opposto il suo Napoli ad un Torino voglioso di chiudere la stagione con una bella prestazione davanti al suo pubblico. Potrebbe addirittura essere l’ultima di Ventura allo stadio intitolato al “Grande Torino” e quindi non sarà semplice per i partenopei uscire vittoriosi. Hamsik è un leader storico di questo Napoli e mai come in questa occasione è richiesta la sua prestazione per ottenere tre punti fondamentali nella lotta per il secondo posto, che mai come quest’anno è particolarmente difficoltosa e incerta.

Down

Mounier era partito con il piede giusto, ma bisogna pur ricordare che era arrivato con una preparazione anticipata rispetto ai compagni di squadra, aspetto che lo ha sicuramente favorito e che ora non è più l’elemento determinante, anzi il Francese è apparso piuttosto in calo psico-fisico. Montolivo è ormai un giocatore sul viale del tramonto e le sue prestazioni oltre ad essere impalpabili, presentano dei picchi verso il basso preoccupanti. Contro il Bologna mi attendo l’ennesima prova deludente di una stagione da dimenticare e sinceramente non capisco come si possa portarlo ai campionati Europei in Francia. Saponara continua il suo girone di ritorno inguardabile, che ha pesantemente ridotto l’interesse delle big nei suoi confronti. L’impegno di San Siro non sembra la gara più indicata per una super prestazione. Baselli ha subito una pesante involuzione che tra l’altro è inconsueta essendo sotto la guida di un tecnico che con i giovani lavora al meglio. Lo aspettiamo il prossimo anno, sicuri che diventerà un centrocampista con i fiocchi.

Pronostici Europei

Attaccanti: i più in forma

Up

Borriello è un centravanti con i fiocchi, quasi un lusso per una squadra che lotta per non retrocedere. E’ infatti strano come un giocatore con le sue qualità venga relegato in squadre di basso profilo quando in altre big farebbe parecchio comodo. Contro l’Udinese potrebbe entrare senza problemi nel tabellino marcatori. Thereau ha giocato in squadre di bassa classifica, ma viste le sue qualità si può forse parlare di carriera al di sotto delle sue potenzialità, quel che è certo è che contro l’Atalanta c’è bisogno di lui per uscire dalla mischia pericolosa. Klose sta chiudendo alla grande nonostante un’età non verdissima, confermando di essere uno dei migliori attaccanti del nostro campionato anche in questo campionato. Il Carpi dovrà fare molta attenzione, il suo piede è particolarmente caldo. Kalinic ha disputato un torneo tra alti e bassi che hanno impedito al centravanti della Viola di raggiungere quota 20 gol ampiamente nelle sue potenzialità di bomber di assoluto livello. Contro il Palermo attendiamo tutti di vederlo a segno come contro la Juventus, in fin dei conti la retroguardia rosanero lascia parecchi spazi. Vazquez sta trascinando il Palermo verso la salvezza, ma la squadra è ancora in piena zona retrocessione e la trasferta di Firenze appare quasi proibitiva, ma il talento di Zamparini può fare la differenza anche in questi match sulla carta proibitivi. Berardi atteso da una prova convincente in una trasferta delicata nella quale i neroverdi dovranno difendere il sesto posto appena conquistato grazie al pareggio rossonero contro il Frosinone, attuale avversario degli uomini di Di Francesco. I colpi da campione non mancano di sicuro ed essendo pure rigorista non si può lasciarlo fuori dai titolari. Sansone è l’altro talento della squadra Emiliana, quello però mai preso seriamente in considerazione, ma capace di giocate da grande campione, con gol di una qualità straordinaria. Fortunato chi ha puntato su di lui. Zaza ha un’altra opportunità per mettersi in mostra, anche se l’ultima affermazione di Allegri su di lui lascia pensare che a fine stagione sarà una delle punte partenti. Contro il Verona ci sono tutti i presupposti per vederlo andare in gol per l’ennesima volta, nonostante il minutaggio piuttosto ridotto. Icardi è sempre un bomber dal piede caldo, nonostante sul suo rendimento ci si divida in maniera manichea. Contro l’Empoli è la classica occasione per vederlo protagonista di almeno un gol. Salah ha timbrato il cartellino pure a Marassi, nonostante una prestazione opaca, ma rimane un attaccante con i fiocchi che contro il Chievo può sicuramente recitare un ruolo da grande protagonista. Pavoletti ha il piede caldissimo e pur sparendo spesso dal match, sa poi farsi perdonare con gol da grande centravanti di sfondamento. Il derby è la partita ideale per lui, il clima è quello giusto e una punta di razza con le sue caratteristiche dovrebbe recitare un ruolo da grande protagonista. Belotti è in forma nazionale, chissà se Conte sta pensando a lui, quel che è certo è che con Ventura sta diventando un centravanti con i fiocchi e non è per nulla sorprendente. Il Napoli dovrà vigilare con attenzione su di lui. Higuain non è più considerabile tra i giocatori “normali”, per lui gli aggettivi ormai si sprecano e non è impossibile immaginare una sessione di mercato particolarmente bollente per un giocatore che forse ha recitato il famoso canto del cigno e che non sarebbe sbagliatissimo vendere per cifre folli.

Down

Floccari pur segnando contro il Bologna non convince per nulla, anche perché a ben vedere la rete siglata è stata frutto di un rimpallo fantozziano. Non mi aspetto l’acuto contro il Milan, anzi l’esatto contrario. Balotelli è ormai sulla via dell’ennesima vendita, il rigore sbagliato contro il Frosinone è solo la ciliegina sull’ennesima stagione altalenante, ma obbiettivamente nessuno lo sopporta più e l’ennesima occasione per far cambiare opinione su di lui è stata gettata nuovamente al vento. Contro il Bologna inutile aspettarsi miracoli, meglio tenerlo in panchina. Gilardino si presenterà da ex a Firenze, ma sinceramente non fa più paura a nessuno, nemmeno a una Fiorentina in profonda crisi. Giocatore fortemente involuto e prevedibile, pur autore di gol importanti come a Frosinone, non sembra all’altezza di trascinare il Palermo in questa partita fondamentale per la salvezza. Maccarone ha le polveri bagnate a dir poco e il finale di stagione non promette nulla di buono, chi lo avesse in rosa può tranquillamente lasciarlo in panchina in questo turno di campionato.

Send this to a friend