100€ _10€ 50€ + 20% su ogni deposito
100€ 100€ 305€

Consigli Fantacalcio: i Giocatori da Schierare nella 38ª Giornata

Bottadiculo

Si chiude ufficialmente il campionato di Serie A e quindi tutti i relativi tornei di Fantacalcio che, salvo in casi sparuti, hanno già stabilito il vincitore finale. Per chi ancora ha qualche premio da raggiungere o vuole semplicemente dilettarsi a vincere anche partite senza nessuna ambizione di classifica, ecco la consueta rubrica con i suggerimenti per ruolo. Buon divertimento a tutti i fantacalcisti!

Portieri: i più affidabili

Up

Bizzarri rappresenta quasi sempre una garanzia, portiere capace di interventi sorprendenti e spesso decisivo per il risultato finale. In un match che ha ben poco da raccontare, potrebbe addirittura chiudere con la porta inviolata. Lamanna non sta facendo rimpiangere per nulla Perin, al punto che nel derby non ha subito nemmeno un gol, con una personalità negli interventi decisamente da sottolineare con un cerchietto rosso. L’Atalanta si presenta a Marassi senza il coltello tra i denti e potrebbe essere per lui l’occasione di un ennesimo voto positivo. Marchetti al top della condizione, inutile far finta di nulla dopo i due calci di rigore parati a Carpi, segno che pian piano sta tornando il portiere di due stagioni fa che insidiava addirittura il posto a Buffon in nazionale. Il pessimo momento degli attaccanti della Fiorentina potrebbe favorire una prestazione con i fiocchi da parte dell’estremo difensore biancoceleste. Sorrentino giocherà contro il fanalino di coda del nostro campionato, con l’importante compito di non subire gol per evitare 90 minuti di grande ansia in ottica salvezza. La sua forte personalità si esalta in partite di questo calibro. Consigli contro un attacco nerazzurro privo del bomber di riferimento Icardi e che spesso delude le attese. Figuriamoci quando la partita non conta nulla a livello di classifica, potrebbe addirittura essere l’opportunità per chiudere con la porta inviolata.

Down

Sportiello rischia di passare un pomeriggio da incubo visto che i suoi compagni di reparto hanno ormai un livello di attenzione minimo e se la vedranno contro una delle formazioni più in palla del momento, in cui Suso e Pavoletti promettono come sempre scintille. Viviano ha vissuto un pomeriggio da dimenticare nel derby della lanterna e sabato incontrerà una Juve con quasi tutti i titolari, incattivita dalle critiche aspre di Allegri che ha mal digerito lo stop contro il Verona a pochi giorni dalla finalissima di Coppa Italia contro il Milan. Potrebbe essere per lui una partita con parecchie sofferenze. Tatarusanu non sta vivendo un momento di forma particolare e se a questo aspetto aggiungiamo una squadra che non lo tutela come al solito e un attacco avversario particolarmente in forma, ecco che ci sono abbastanza elementi per valutare la sua esclusione dai titolari. Donnarumma rimane senza dubbio tra i migliori numeri 1 del nostro campionato, ma l’attacco giallorosso promette scintille pure a San Siro e la difesa rossonera non sembra al momento in grado di reggere adeguatamente l’impatto con la squadra ospite.

Difensori: i più in forma

Up

Ansaldi sempre in prima linea per quanto riguarda i migliori difensori della Serie A. Le sue prestazioni sono sempre positive e i suoi piedi più che educati. Giocatore che merita palcoscenici importanti. Bonucci vuol chiudere alla grande una stagione da incorniciare e conoscendo la sua particolare intolleranza alle sconfitte mi aspetto una grande prova anche contro la Samp, pur non essendoci motivazioni di classifica particolari. Liechsteiner ritorna tra i titolari e di sicuro vorrà dare il suo contributo alla partita, essendo un giocatore che non alza mai il piede dall’acceleratore, nemmeno in amichevole. Aspettiamoci un voto alto e magari qualche bonus legato ad assist o addirittura gol. Koulibaly ha giocato indubbiamente una stagione con i fiocchi e questo soprattutto per merito di Sarri che con la sua tattica ha esaltato le qualità del centrale partenopeo che con Benitez faticava oltre ogni previsione, nonostante qualità evidenti. Contro il Frosinone aspettiamoci l’ennesima prova da sufficienza abbondante. Acerbi rimane un gioiellino da esibire ad ogni partita, giocatore con grande senso della posizione e gran fiuto del gol che lo rende ideale per chi usufruisce spesso del modificatore di difesa. Contro l’Inter aspettiamoci una grande prestazione, l’Europa attende e lui non mancherà l’appuntamento con la partita maiuscola. Widmer rappresenta il meglio a livello di difensori esterni e non mi meraviglierei di vederlo nella prossima stagione con maglie anche prestigiose. Contro il Carpi, mancando Letizia, potrebbe scatenarsi sulla fascia devastando la retroguardia avversaria con le solite penetranti incursioni.

Down

Silvestre è giocatore ruvido e a volte protagonista di svarioni non degni di un giocatore di serie A. Stagione per lui sfortunata sia a livello di prestazioni, che di infortuni. La coppia Dybala-Mandzukic potrebbe essere per lui un test troppo difficile da affrontare. Astori vive un momento di forte involuzione che lo porta ad essere uno dei difensori meno appetibili a livello di calciomercato, a differenza delle precedenti sessioni dove era ricercatissimo. Contro la Lazio è atteso da un pomeriggio di gran lavoro e mi aspetto l’ennesimo volto al di sotto del 6. Romagnoli atteso da un test importante, ma il reparto giallorosso appare troppo in forma per uscire senza cartellini dal match. Voto che si potrebbe assestare tra il 5 e il 5,5. Miranda conferma di essere un centrale ruvido oltre ogni esigenza e contro la rapidità del tridente neroverde, potrebbe andare in grossa difficoltà. Giocatore sempre a rischio di cartellini gialli se non rossi e sostituibile tranquillamente nell’undici titolare.

Centrocampisti: chi scegliere?

Up

Zielinski è un centrocampista con i fiocchi che inserito in un centrocampo di valore, potrebbe esaltarsi ulteriormente esibendo le enormi potenzialità sia a livello tattico, che tecnico. Stagione superlativa per lui che potrebbe concludersi con l’ennesimo voto alto e magari il bonus dovuto ad un gol che rimane tranquillamente nel suo Dna. Suso è da considerarsi un top player a livello Fantacalistico, giocatore che a Marassi ha trovato la sua dimensione ideale sfoderando prestazioni e gol d’autore che fanno la fortuna di chi lo può schierare tra i titolari della sua fantaformazione. Rincon è un altro dei centrocampisti che fanno la fortuna di ogni squadra, giocatore di sostanza che sa giocare sia in fase di possesso, che in quella di non possesso, con discreta propensione al gol. Contro l’Atalanta aspettiamoci fuochi d’artificio. Pogba torna per mettere la firma nell’ultimo match casalingo, visto che dopo una stagione da ricordare tra quelle storiche dei bianconeri, è quasi naturale aspettarsi il gol nell’ultima esibizione casalinga per quanto riguarda questo campionato. Candreva c’è, usando una terminologia cara al mondo delle moto. Giocatore superlativo e sempre tra i migliori interpreti del ruolo, dotato di piedi educati e ottimo visione della porta che colpisce nei modi più svariati, dal tiro da fuori ai calci piazzati, fino ad arrivare al penalty che calcia con una disinvoltura imbarazzante. Schieratelo e non ve ne pentirete. Parolo ha giocato una stagione molto al di sotto delle sue potenzialità, ma le ultime uscite hanno regalato sprazzi del giocatore ammirato nei campionati precedenti. Il suo forte fiuto del gol ne fa una delle soluzioni migliori a livello di fantacalcio. Nainggolan non finisce di stupire, sostanza e qualità nel giusto mix, che lo rendono tra i giocatori più ricercati a livello di calciomercato, soprattutto sponda Chelsea. Contro il Milan aspettiamoci l’ennesima prestazione da incorniciare. Hamsik in forma smagliante, pure a Torino è stato devastante nelle ripartenze e in fase di non possesso, dove è cresciuto parecchio grazie al modulo tattico di Sarri che lo ha arretrato di qualche metro esaltando la sua capacità di tessere trame efficaci e di rendere fluido il gioco del Napoli. Il gol poi non manca mai e quindi perché non schierarlo contro il Frosinone ? Allan è tornato quello di inizio campionato dopo un periodo di fisiologico appannamento, dovuto soprattutto allo scarso turn over di un reparto dove bene o male giocavano sempre gli stessi interpreti. Potenzialmente quella contro il Frosinone può rappresentare anche una partita da sette in pagella. Pellegrini è una piacevole scoperta del nostro calcio, che specie nel ruolo del ragazzo proveniente dalla Roma, non abbonda per nulla di talenti particolari. Contro l’Inter ha l’occasione per mettersi in mostra in modo definitivo, specie dopo aver festeggiato pure la sua prima rete in Serie A. Chi vuole azzardare una formazione inedita, può senza dubbio rischiare questa scelta.

Down

Benassi è stato un giocatore di discreto livello nel precedente campionato, ma in questa stagione ha deluso parecchio e sinceramente ho il forte dubbio che pure ad Empoli assisteremo ad una prestazione anonima. Baselli era partito con grandi prospettive, voti alti e gol che arrivavano con estrema regolarità, poi il buio improvviso e una condizione generale di forma che è letteralmente precipitata e lo rendono attualmente un centrocampista piuttosto mediocre e falloso oltre misura. Assolutamente da non schierare ad Empoli. Saponara ormai è il giocatore da non schierare per antonomasia, un girone di andata da grande protagonista e uno di ritorno da film Horror. Saranno le voci di mercato che lo distraggono, ma a livello di testa non ci siamo assolutamente. Soriano è sparito dai radar dei migliori in campo, forse coinvolto nell’involuzione generale di una squadra partita pure con certe ambizioni e poi pian piano scivolata ai margini della zona retrocessione. Forse i troppi complimenti hanno fatto più danno che altro. Montolivo è senza dubbio la delusione più grande di questa stagione Milanista, visto che molti si aspettavano da lui un contributo decisivo per alzare il livello del gioco, ma l’ex fantasista della Viola è sempre più lontano dal giocatore che a Firenze spesso incantava con giocate di qualità straordinaria. Fossi in voi eviterei di inserirlo tra i titolari, specie in un match dove a metà campo avrà avversari di ottimo livello. Hiljemark si è perso nel girone di ritorno, dopo essere stata una piacevole sorpresa nella prima parte della stagione condita anche da gol d’autore. Non ho molta fiducia nella sua prestazione contro il Verona, quando la tensione sale lui ha la tendenza a sparire dal campo.

Attaccanti: i migliori da schierare nell’ultima giornata

Up

Meggiorini era partito benissimo, poi pian piano è calato anche a causa di problemi fisici, ma nel finale di stagione sta ritornando ad alti livelli e conto il Bologna è lecito aspettarsi anche un gol. Pavoletti è al top della condizione, gol e prestazioni da incorniciare che lo rendono tra i papabili per i prossimi campionati Europei, in un reparto dove non abbiamo giocatori in forma straordinaria, anzi. Contro l’Atalanta mi aspetto di vederlo in gol per l’ennesima volta e magari essere protagonista pure di una doppietta. Dybala non è giocatore che ama rimanere all’asciutto troppo a lungo e contro la Sampdoria si presenta l’occasione per incrementare ulteriormente il proprio già eccellente bottino. Klose saluterà la Lazio e vorrà celebrare il suo giorno con un gol. Vista la condizione fisica della Fiorentina va considerato un suo possibile gol. Salah alterna prestazioni da incorniciare ad altre opache, ma contro il Milan potrebbe anche scatenarsi viste le lacune difensive dei rossoneri che patiscono particolarmente le punte con le sue caratteristiche. Higuain è il top tra gli attaccanti da schierare e chi lo ha in rosa quasi sicuramente ha vinto il proprio fantatorneo, tranne le rare eccezioni. Un giocatore che timbra il cartellino con estrema regolarità e che rischia seriamente di chiudere con almeno una doppietta contro il Frosinone. Vazquez sta trascinando i compagni verso la salvezza, dimostrando di essere di un livello superiore alla media della rosa del Palermo. Potrebbe essere per lui l’ultima con la maglia del Palermo e vorrà salutare i propri tifosi magari segnando il gol vittoria. Sansone è il classico gregario che fa la fortuna di ogni allenatore, mai con i riflettori accesi su di lui, ma spesso decisivo in molte partite. Contro una difesa nerazzurra spesso protagonista di improvvise amnesie, potrebbe essere letale.

Down

Floro Flores si è perso da quando ha lasciato la maglia del Sassuolo, dove già aveva qualche problema di continuità. Spesso impreciso sotto porta, non sembra un potenziale marcatore del match contro il Bologna. Floccari è un altro ex giocatore di Di Francesco che è passato da un girone di andata dove andava in rete con estrema regolarità, ad uno di ritorno dove invece non ha saputo sostituire adeguatamente l’infortunato Mattia Destro. Cassano spesso contro la Juve è protagonista di prestazioni notevoli e pure qualche gol d’autore, ma non sarà questa la volta buona per ripetersi, ne sono convinto. El Shaarawy ritornerà nel suo stadio dove non ha mai espresso il suo potenziale, a differenza di quello che sta succedendo con Spalletti. L’emozione di giocare contro gli ex compagni potrebbe giocare un brutto scherzo al talentuoso ragazzo. Toni  contro la Juve si è congedato con un gol d’autore, ma il clima da vogliamoci bene ha contribuito sicuramente a rendere il compito più facile del previsto. A Palermo troverà un avversario desideroso di ottenere i tre punti in ottica salvezza. Da non sottovalutare poi l’accoglienza non proprio amichevole del pubblico rosanero che non gli ha mai perdonato la scelta di andarsene. Jovetic ha sicuramente rappresentato uno dei peggiori acquisti stagionali e contro il Sassuolo dubito che possa diventare improvvisamente protagonista di una prestazione da incorniciare. Mbakogu ha disputato una stagione molto al di sotto delle attese e i due rigori falliti contro la Lazio hanno rappresentato il top della galleria degli orrori alla quale ci ha abituato in questo campionato.

I pronostici dell’ultima giornata di Serie A
Pronostico Juventus-Milan, finale di Coppa Italia
Pronostici Europei Francia 2016

Send this to a friend