Contatti - Redazione - Pubblicità - Policy - Disattiva Notifiche - Archivio News

Facebook Iscriviti GRATIS al nuovo gruppo Facebook Consigli Fantacalcio →
Advertising

Consigli Fantacalcio: gli Attaccanti da schierare e quelli da evitare nella 12ª giornata di Serie A

Mario Balotelli, attaccante del Brescia
Advertising

Gli attaccanti sono sempre un gran bel problema per tutti i Fanta-allenatori. Ci sono giornate come queste difficili da interpretare, soprattutto per le compagini che escono dal turno europeo. Juventus, Inter, Napoli, Atalanta, Roma e Lazio, le sei squadre italiane impegnate in Europa, dovranno fare attenzione a chi mandare in campo.

Per quanto riguarda le medie voto e le statistiche del Fantacalcio, uno dei migliori centravanti rimane Ciro Immobile, che non smette più di sorprendere: gol e assist, da solo sta trascinando la Lazio in questo campionato.

Avete il giocatore biancazzurro e non sapete chi mandare in campo insieme al numero 17? Ecco i nostri consigli su quali sono gli attaccanti da schierare e quelli da evitare nella 12ª giornata di Serie A.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Consigli Fantacalcio: gli Attaccanti da schierare nella 12ª giornata di Serie A

Balotelli (Brescia) – L’arrivo di Fabio Grosso potrebbe rilanciare anche l’attaccante bresciano, che ora deve trovare la continuità giusta. Inutile dirlo, i messaggi sono arrivati forte e chiaro: Balo vuole la nazionale, ma la convocazione passa anche da queste partite. Contro il Torino si caricherà la squadra sulle spalle e cercherà di trascinare le Rondinelle alla prima vittoria in casa.

Lukaku (Inter) – L’attaccante belga sta vivendo un periodo incredibile, il suo impatto sulla serie A è stato devastante. Gol, assist e tanti bonus: meglio mandarlo in campo nonostante le fatiche del periodo, ma con una continuità simile difficile tenerlo a riposo.

Milik (Napoli) – Ben cinque gol consecutivi nelle ultime quatto gare giocate dagli azzurri. Sappiamo benissimo qual è l’importanza del polacco nell’economia del gioco di Carlo Ancelotti, ma soprattutto quanto è importante per i fanta-allenatori: inutile dirvelo, meglio mandarlo in campo dal primo minuto.

Ronaldo (Juventus) – Non sta vivendo un buon periodo di forma, ma il portoghese sa esaltarsi soprattutto in questi periodi di difficoltà. Sarri lo manderà in campo in una partita importante come quella contro il Milan, difficile lasciarlo in panchina anche per chi all’asta ha deciso di puntare tutto su di lui.

Dzeko (Roma) – Non segna con tantissima continuità rispetto alla sue prime stagioni giallorosse, ma contro il Parma sa fare la differenza. Anche perché quando non segna difficilmente i capitolini riescono a trovare il gol. Il nostro consiglio? Mandatelo assolutamente in campo.

Consigli Fantacalcio: gli Attaccanti da evitare nella 12ª giornata di Serie A

Belotti (Torino) – Momento davvero negativo per il Gallo, sono cinque le partite senza segnare. L’attaccante granata deve assolutamente tornare a mettere la palla dentro, ma non sarà semplice farlo al Rigamonti davanti una squadra arrabbiata. Il consiglio? Salvo necessità, meglio non mandarlo in campo.

Quagliarella (Sampdoria) – Non è l’anno del bomber blucerchiato, non è l’anno di tutta la squadra genovese. È un momento complicato e il numero 27 potrebbe pian piano perdere la titolarità. Noi vi consigliamo di non mandarlo in campo anche perché non è un momento positivo, si rischia soltanto un posto.

Boateng (Fiorentina) – Si parla già di voci di mercato, non è sicuramente la sua migliore annata. Contro il Cagliari Montella potrebbe metterlo in campo, voi non fate lo stesso errore (anche se può succedere di tutto).

Sanabria (Genoa) – Il suo impatto con il Grifone dello scorso anno è stato devastante, ma ormai il giocatore ex Roma non riesce più a trovare la sua dimensione. Il consiglio lo conoscete, non va schierato assolutamente.

Stepinski (Hellas Verona) – Non è riuscito ad imporsi come avrebbe voluto, è davvero in un momento negativo. È in dubbio, e vista la sfida di San Siro i fanta-allenatori devono assolutamente farci un pensierino. A lasciarlo in panchina, ovviamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nato nel 1989, sboccio calcisticamente sette anni più tardi, quando in tv assisto alla prima partita della mia vita, quella tra Borussia Dortmund e Juventus. Innamorato del calcio inglese, nutro una passione per il ciclismo e la corsa. Laureando alla Facoltà di Lettere dell'Università degli Studi di Bergamo, ho un sogno nel cassetto: correre una maratona. Inizio la mia avventura giornalistica nel 2008 parlando di calcio inglese e ciclismo. Seguimi su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram.

Send this to a friend