Contatti - Pubblicità - Collabora con noi - Privacy e Cookie Policy - Disattiva Notifiche Push

Oddschecker

Guadagnare da casa con il Matched Betting

Ajax

Guadagnare da casa con il web è possibile? Si tratta di una tematica ricorrente, considerato come molte persone siano costantemente alla ricerca di metodi per poter sfruttare le tante ore passate su Internet dove, non bisogna dimenticarlo, è nata una sorta di economia parallela in grado di muovere ingenti risorse.

Si tratta di una esigenza su cui peraltro persone di pochi scrupoli sono solite far leva al fine di truffare gli utenti meno esperti o più ingenui. Basta esaminare la propria cartella di posta elettronica per vedere il costante arrivo di comunicazioni deliranti in cui si promettono guadagni mirabolanti in pochi minuti e capire al volo, a meno che non si viva nel mondo dei sogni, come si tratti di ami lanciati appositamente per poter fregare il prossimo.

Ciò non vuole dire, però, che guadagnare qualcosa online non sia possibile. Lo si può fare ad esempio con il Matched Betting.

Cosa si intende per Matched Betting?

Il Matched betting viene presentato alla stregua di una tecnica di carattere matematico grazie alla quale si può guadagnare facendo due puntate diametralmente opposte su uno stesso evento sportivo. Il guadagno che ne deriva, che in effetti esiste, dipende dal fatto che l’interessato non mette soldi propri, e già questo sembra escludere in partenza l’ipotesi della truffa.

Le due scommesse in questione, infatti, hanno il loro carburante nei bonus che vengono offerti dalle piattaforme su cui gli appassionati di sport effettuano le loro puntate. Sono proprio i bookmakers che caratterizzano il web italiano a disputarsi la clientela con una politica promozionale estremamente aggressiva tesa a strappare clienti alla concorrenza. Lo strumento adatto per poterlo fare sono appunto i bonus, i quali vanno a dividersi tra quelli d’ingresso, ovvero quelli che salutano l’arrivo di un nuovo scommettitore e i ricorrenti, ovvero quelli che sono periodicamente offerti ai clienti già iscritti con il preciso scopo di fidelizzarli e impedire che decidano di emigrare su un’altra piattaforma. Va infatti sottolineato come sia gli uni che gli altri prevedono una serie di paletti che li rende problematici. Possono invece diventare effettivamente fruttuosi ove impiegati nel Matched Betting.

La condizione per renderli effettivamente tali è che lo schema preparato venga portato avanti in maniera corretta, con due quote praticamente equivalenti. Una volta che ciò sia stato fatto, scommettendo sui due possibili esiti di una gara su due diversi bookmakers,  la giocata sarà in grado di generare un guadagno indipendentemente dal risultato effettivo della gara scelta.

Quanto si può guadagnare con il Matched Betting?

Quantificare il possibile guadagno del Matched Betting sulla carta è abbastanza complicato, in quanto sono proprio i bonus offerti dagli operatori online a variare periodicamente, anche dal punto di vista economico. Se si prova a fare un rapido giro d’orizzonte online, in particolare sui forum di discussione in cui si dibattono i temi legati al guadagno online o alle scommesse sportive, si possono trovare forumisti che lo praticano abitualmente e che vantano guadagni anche superiori ai 500 euro.

Come si può facilmente capire, quindi, con questa tecnica non ci si arricchisce, ma allo stesso tempo si possono integrare anche in maniera interessante le proprie entrate. In tempi in cui nel nostro Paese si discute accanitamente sul Reddito di Cittadinanza, proprio per cercare di strappare alla povertà assoluta persone che non lavorano o che fanno lavori tali da implicare livelli salariali infimi, una rendita integrativa simile può esercitare una notevole forza di attrazione.

Il Matched betting è legale

Va peraltro ricordato come il Matched Betting sia assolutamente legale, in quanto non esiste una legge al riguardo nel nostro Paese.

Occorre invece ricordare che sono le stesse piattaforme a poter sanzionare chi lo pratichi, bannando l’interessato, soprattutto quelle più piccole. Gli operatori più grandi, invece, non hanno alcun interesse a farlo, in quanto il segmento di giocatori che abitualmente pratica il Matched Betting costituisce per il momento una quota molto minoritaria. Inoltre i bookmakers non traggono il loro guadagno dall’esito di una gara, bensì dalla scommessa stessa, su cui sono soliti trattenere una provvigione del 5%. Nonostante ciò si consiglia di mettere in atto i consigli regalati dagli esperti per evitare di essere bannati dalla piattaforma e chiudersi così una strada che invece potrebbe rivelarsi proficua sotto il profilo strettamente economico.

Ti è piaciuto l’articolo?
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
Correzioni, suggerimenti o commenti? Contattaci
+

Send this to a friend