ADM, Gioco responsabile, 18+ Il gioco è vietato ai minori di 18 anni. Può causare dipendenza.

Come Guadagnare con un Sito o Blog di Scommesse e Pronostici

Seggioline stadio Gialloblu

Guadagnare con un sito di pronostici e scommesse rappresenta l’aspirazione di molte persone. In particolare di quelle che hanno speso una gran quantità di tempo nell’intento di crearne uno, seguendo tutte le regole cui occorre attenersi in questi casi. Partendo dalla confezione grafica, dal varo di una piattaforma facile da consultare e da contenuti in grado di rivelarsi effettivamente utili per i visitatori.

Una volta portato a termine il lavoro, arriva naturalmente il momento di passare alla riscossione dei frutti di un lavoro che molto spesso è di reale valore. Quella che inizialmente si pensava potesse essere una semplice passeggiata si rivela al contrario ben preso una sorta di traversata nel deserto.

Molte di queste persone, quindi, troppo spesso rimangono deluse quando arriva il momento di mettere a frutto il lavoro svolto. Dalla loro adesione ad un programma di advertising, sono costretti cioè a trarre conclusioni abbastanza sconfortanti: il rapporto instaurato è del tutto squilibrato. In pratica le condizioni di questi programmi riservano quasi tutti i vantaggi alla controparte, trasferendo il proprio traffico, che a volte è di discreto rilievo, per pochi spicci.

Basta in effetti leggere le storie quasi al limite dell’incredibile di chi ha aderito a programmi molto reclamizzati, a partire da Adsense di Google, per scoprire l’amara realtà. Tale da spingere chi ci è passato a dire basta di fronte a compensi irrisori, tali da risultare quasi offensivi.

Soprattutto in considerazione del lavoro svolto per poter portare il proprio a determinati livelli. Se vuoi sapere come guadagnare online con un sito di pronostici e scommesse sei nel posto giusto. In questo articolo ti parleremo infatti dei migliori metodi per guadagnare con un blog di pronostici sul calcio e sugli altri sport

Guadagnare con un blog di pronostici e scommesse

Se sei appassionato di scommesse, hai creato un blog di pronostici e hai raggiunto un buon numero di visite, il passo successivo da compiere è quello di trovare un modo per monetizzare il traffico e cercare di guadagnare qualcosa. Come saprai, Google Adsense non accetta siti inerenti il gioco d’azzardo e le scommesse, e anche se il tuo sito venisse approvato dal famoso programma di affiliazione di Google, cosa che è da escludere, il cpc (costo per clic) nel settore sportivo è comunque molto basso. Non tale quindi da remunerare in maniera adeguata gli sforzi compiuti. Fortunatamente, esistono anche delle alternative che possono fare al caso di chi non si accontenta.

Affiliazioni per guadagnare con un sito di pronostici

Se si compie una rapida panoramica sul web, è abbastanza facile rendersi conto come stia sempre più prendendo piede una soluzione reputata a tutti gli effetti più aderente alle speranze chi chi vuole trarre un guadagno dal proprio sito. Tanto da spingere un numero consistente di persone ad affermare senza pensarci troppo che il miglior modo per guadagnare con un sito di pronostici siano le affiliazioni.

Un convincimento che trae la sua forza dall’esistenza di un numero rilevante di bookmakers i quali sono in grado di offrire vantaggiosi programmi di affiliazione. Alcuni di questi usano il metodo della revenue share (RS), consistente nel riconoscimento di una percentuale sul volume di denaro giocato dal cliente che è stato portato dal sito, dirottando in pratica il proprio traffico. Altri invece pagano secondo i canoni della CPA (cost per action), ovvero riconoscono ai gestori dei siti affiliati una commissione fissa per ogni cliente che questi portano al bookmaker e in grado di soddisfare determinate condizioni (per esempio un deposito minimo e l’invio del documento d’identità). E, ancora, altri che prevedono una remunerazione fondata su piani ibridi, ovvero tali da prevedere aspetti sia dell’una che dell’altra modalità da noi ricordate.

Tutti possono diventare affiliate marketer?

La domanda in questione esige una risposta rapida e secca: no, non tutti possono partecipare al marketing di affiliazione, almeno con fondate speranze di successo. Alcuni programmi di affiliazione sono infatti soliti richiedere un sito web ad alto traffico o in grado di esercitare una certa influenza nel settore presidiato, mentre altri aprono le porte a chiunque. È del tutto logico, però, che un sito a basso traffico difficilmente può conseguire risultati di rilievo. Il primo passo per diventare marketer affiliati consiste quindi nella costruzione di un’adeguata platea per il proprio sito web.

Per chi ne ha già uno di successo, il marketing di affiliazione può in effetti rappresentare una vera soluzione per riuscire a guadagnare facendo molte delle cose che già stava facendo. A dimostrarlo sono del resto le statistiche, a partire da quella secondo la quale nel 2021 l’industria dell’affiliate marketing vale 17 miliardi di dollari. Un notevole passo avanti rispetto al dato di cinque anni prima, quando il dato si attestava a quota 13 miliardi, soprattutto alla luce della pandemia di Covid, che ha colpito i consumi prosciugando in parte il bacino in cui pescano le aziende del settore.

In base ai sondaggi effettuati risulta che il 31% degli affiliati indica nel marketing di affiliazione una delle loro tre principali fonti di entrate, mentre per il 9% è la maggiore. Rappresenta inoltre il canale di acquisizione clienti più importante per il 20% dei brand, con il 54% che lo classifica tra i primi tre. Il suo successo è quindi molto più pronunciato rispetto alla ricerca organica/a pagamento (16%) e agli annunci display (15%).

Le ricerche di Google relative alla voce affiliate marketing sono più che raddoppiate nell’arco temporale compreso tra il 2015 e il 2021. Allo stesso tempo una delle voci più richieste relative al content marketing, sempre sul principale motore di ricerca è “Come creare contenuti per il marketing di affiliazione”. Segno evidente di una curiosità sempre più pronunciata da parte di chi è alla ricerca di soluzioni per la monetizzazione dei propri contenuti.

Il Migliore Programma di Affiliazione: Imperial Deal

Le opportunità offerte dall’Affiliate Marketing sono del tutto evidenti, come dimostrato dalle statistiche. Soprattutto se raffrontate alle delusioni riservate dai tradizionali programmi di advertising sul web come Adsense. Per riuscire a sfruttarle appieno, però, occorre muoversi con il massimo di discernimento e riuscire a individuare il network il quale può rappresentare un approdo sicuro. Anche nel settore dell’Affiliate Marketing, infatti, la delusione è sempre appostata dietro l’angolo.

Il passo propedeutico per chi intende farlo e sfruttare sino in fondo l’opportunità che si presenta, non può che essere la scelta del network cui affiliarsi. In particolare occorre riuscire a evitare quelli che ripropongono pari pari le stesse dinamiche che hanno praticamente reso Adsense e altri programmi di advertising una vera e propria odissea, riservando gran parte delle entrate alla concessionaria.

In un panorama così contrastato, è comunque possibile riuscire a individuare alcune soluzioni che sono in grado di stabilire rapporti equilibrati e redditizi per entrambe le parti. Come riesce a fare il network che ormai da tempo è riuscito a segnalarsi per l’efficacia del proprio operato, rappresentando una vera e propria boccata di aria fresca in un settore intristito da anni di attese destinate a restare inevase. Stiamo parlando di Imperial Deal, piattaforma la quale ha saputo farsi largo in una pletora di soggetti analoghi proprio per la grande trasparenza e professionalità che ne distingue l’operato.

Imperial Deal, network di affiliazione scommesse e casinò online
Imperial Deal, network di affiliazione scommesse e casinò online

Il primo punto da mettere in risalto, nel suo caso, è il focus riservato al settore delle scommesse sportive. Si tratta di un punto dirimente, in quanto quelle sulle bet sono fra le poche tipologie di affiliazioni che rendono possibile guadagnare in revenue share su tutto il ciclo di vita del cliente, ovvero fino a quando lo stesso utilizza una determinata piattaforma o un servizio.

Se molti programmi di affiliazione riconoscono esclusivamente una commissione una tantum sulla prima vendita o sull’iscrizione ad un servizio, le affiliazioni del settore gaming estendono la loro proposta al revenue share. In pratica, ogni volta che il bookmaker riuscirà a generare un profitto sui giocatori reclutati da un sito, i gestori dello stesso parteciperanno al guadagno ricevendo una commissione in base alla percentuale stabilita in sede contrattuale.

Per capire meglio l’opportunità, anche in questo caso è d’obbligo ricorrere alle statistiche, le quali indicano nel settore del gioco d’azzardo uno fra i più redditizi non soltanto nel nostro Paese, ma in ogni parte del globo. Un dato di fatto emerso in maniera rilevante proprio durante la pandemia, quando  in molti hanno reagito ai lockdown imposti a scopo precauzionale provando la fortuna con le scommesse sportive, le slot machine, la roulette e tutto il catalogo di giochi messi a disposizione dalle varie piattaforme.

Un settore per il quale sembra molto difficile pensare ad un rapido declino, alla luce dei numeri pubblicati all’interno dell’Osservatorio Gioco d’Azzardo 2021, secondo il quale nel corso del 2020 il 42% dei ragazzi compresi fra i 14 ed i 19 anni ha effettuato almeno una scommessa (anche se ci sarebbe da chiedersi come ciò sia possibile, considerato che senza la maggiore età non è possibile iscriversi ad un sito di questo genere), mentre il 25% degli over 65 ha giocato d’azzardo negli ultimi 12 mesi.

Alla luce di questi dati, si può capire come le scommesse sportive rappresentino uno stagno estremamente pescoso per chi è intenzionato a monetizzare il proprio sito. Imperial Deal parte proprio da qui e da un’altra caratteristica estremamente pregiata, ovvero la grande affidabilità dimostrata nel corso della sua attività e un modo di lavorare indice di estrema professionalità. Grazie a questo modus operandi, gli editori che ad esso si affidano sono in grado di trovare finalmente una controparte cui affidarsi con la sicurezza di non vedere frustrati ancora una volta i propri sforzi.

Quali sono punti di forza di Imperial Deal?

Chi opera nel settore delle scommesse, come noi, prima o poi viene a trovarsi nella necessità di individuare un interlocutore serio, con il quale allacciare rapporti tesi a trarre il massimo di profitto dal proprio lavoro. Lavorare con una piattaforma poco affidabile, infatti, non fa soltanto perdere tempo, quindi una risorsa estremamente preziosa nel mondo moderno, ma anche credibilità di fronte agli utenti. Un bene che è da considerare ancora più importante, all’atto pratico.

In questa ricerca ci siamo infine imbattuti in Imperial Deal traendone infine una certezza, ovvero di essere giunti finalmente in porto. La piattaforma, infatti, si è ben presto rivelata in grado di corrispondere nel modo migliore alle nostre aspettative. A dimostrarlo il mix tra commissioni che sono le più alte sul mercato, presenza di una piattaforma estremamente intuitiva e facile da utilizzare, e puntualità nei pagamenti, che hanno luogo ogni 30 giorni, ove si riesca a conseguire una soglia minima estremamente bassa, pari a 50 euro. Una serie di peculiarità che dovrebbero rappresentare una sorta di minimo sindacale, ma che per altri network diventano una vera e propria chimera.

Imperial Deal - Affiliazione Scommesse e Casinò
Imperial Deal – Affiliazione Scommesse e Casinò

A questa rilevante base Imperial Deal riesce poi ad aggiungere altri fattori da tenere nella giusta considerazione, ovvero:

  • la possibilità di promuovere siti che riescono a dimostrarsi all’atto pratico non solo sicuri, ma anche poco inflazionati, riuscendo di conseguenza ad assicurare un tasso di conversione più elevato;
  • i pagamenti settimanali che vengono accordati ai siti in grado di dimostrare la qualità in termini di contenuti e di utenza, una vera e propria rarità in un settore ove i pagamenti vengono di norma effettuati all’inizio del mese successivo nel caso si raggiunga una soglia che può anche rivelarsi abbastanza elevata;
  • la disponibilità di un’assistenza continua e professionale, resa possibile da un personale altamente qualificato, con il quale si può comunicare utilizzando non solo i tradizionali strumenti come la posta elettronica o il telefono, ma anche Skype o Whatsapp. L’insorgenza di un problema non costituirà più un dramma e il continuo flusso di informazioni può trasformarsi in nuove opportunità tali da rendere sempre più proficuo il rapporto tra le controparti;
  • la possibilità di utilizzare una piattaforma unica, facile da fruire e dalla quale diventa possibile la migliore gestione possibile di campagne e profitti.

I vantaggi che si prospettano sono quindi di notevole rilievo. Per poterne usufruire occorre soltanto stabilire un contatto con il network e chiedere di poter accedere al programma. Nel caso in cui la richiesta vada in porto verrà creato un account, al quale si potrà accedere digitando la username e la password, che saranno state inviate tramite posta elettronica. L’account consente la gestione di un pannello personale, con le informazioni personali e il materiale di marketing (ovvero i banner, i testi promozionali e i link) contrassegnato con il proprio codice identificativo. Quest’ultimo permette al network di tracciare il traffico proveniente da un determinato sito (o siti) in modo tale da tradurre il tutto in guadagni da accreditare all’editore, come da accordi intercorsi tra le parti.

Tra i principali siti di scommesse che vengono proposti all’interno del programma ci sono praticamente tutti i colossi del settore, a partire da William Hill, Betfair, Bwin, Gioco Digitale, Vincitù, Betnero, Betglag, Staryes, Leovegas, Fantasyteam, DoBet, ScommesseItalia e tanti altri. Ovvero le principali realtà di un settore che sembra non conoscere ostacoli nella sua continua espansione, neanche in tempi di difficoltà economiche come gli attuali, in grado di richiamare un folto numero di utenti e aumentare di conseguenza la possibilità di guadagnare per gli affiliati. Oltre ai bookmakers, peraltro, Imperial Deal offre la possibilità di promuovere i casinò online, altro settore il quale ha ricominciato a macinare grandi numeri dopo la fine delle restrizioni collegate al Covid. Un contesto all’interno del quale possono lievitare le possibilità di monetizzare nella maniera migliore i contenuti proposti nel proprio sito.

Al conseguimento della soglia minima, che come abbiamo ricordato in precedenza corrisponde a 50 euro mensili, sarà possibile richiedere il pagamento, il quale sarà corrisposto alla fine del mese di riferimento. Come già sottolineato, però, è possibile anche la riscossione di introiti settimanali, nel caso in cui si rientri in una fascia di eccellenza. Grazie a tali caratteristiche Imperial Deal sta conquistandosi una posizione di grande forza all’interno dell’affiliate marketing tricolore.  

L’iscrizione è completamente gratuita e non è necessario alcun requisito.

🔥 Miglior bonus del momento5250€ su Sisal