ADM, Gioco responsabile, 18+ Il gioco è vietato ai minori di 18 anni. Può causare dipendenza.

Imperial Deal: Recensione e Opinioni sul Network di Affiliazione N.1 in Italia

Imperial Deal, network di affiliazione scommesse e casinò online

L’affiliate marketing non sembra conoscere ostacoli. La forza con la quale prosegue la sua marcia sembra in effetti inarrestabile e si fonda su un presupposto difficilmente negabile: il fallimento delle soluzioni proposte nel corso degli anni a un gran numero di editori alla ricerca di opportunità di remunerazione per i propri siti. Editori i cui sforzi sono regolarmente andati ad infrangersi sulla totale inadeguatezza di un mercato pubblicitario congegnato per premiare le concessionarie a scapito dei gestori che non partono da una posizione di sufficiente forza. Ovvero la stragrande maggioranza degli interessati.

Per riuscire a guadagnare realmente con l’affiliate marketing occorre però fare le cose per bene, partendo naturalmente dal varo di un sito con le carte in regola. Ovvero in grado di presentare contenuti validi e continuamente aggiornati, tali da suscitare interesse in un pubblico valido sia dal punto di vista numerico che qualitativo. In pratica la propria platea di utenti deve risultare interessante per le aziende che devono pubblicizzare. In che modo? Molto semplicemente interessandosi di un tema in cui il committente offre i propri servizi e prodotti. Ne deriva, ad esempio, che i siti che trattano di calcio o sport in generale risultano estremamente attraenti per i bookmakers online.

Una volta varato e pubblicato il proprio sito, inizia la seconda fase della strategia tesa a monetizzarne i contenuti. Un passo che non deve assolutamente essere sottovalutato, in quanto proprio da esso andrà in ultima analisi a scaturire il guadagno in grado di ripagare gli sforzi profusi dall’editore, oltre che il denaro e il tempo spesi per riuscire a conseguire un risultato di qualità. All’interno di questa fase l’operazione fondamentale è la scelta del network cui affidarsi. Per molti editori Imperial Deal si sta rivelando la scelta perfetta. Andiamo a vedere perché.

La scelta migliore per guadagnare con il proprio sito: Imperial Deal

Perché Imperial Deal e non un altro network di affiliazioni, considerato come ce ne sia più di uno sul mercato? Il motivo è da ricercare proprio nelle caratteristiche che il network è in grado di mettere a disposizione di chiunque sia interessato a trovare finalmente una soddisfazione di carattere finanziario con il proprio sito. Tra di esse, quelle che hanno segnato un vero e proprio stacco con la concorrenza sono le seguenti:

  • la presenza di affiliazioni scommesse e casino che sono non solo tra le più redditizie in assoluto, ma anche scarsamente inflazionate;
  • un payout molto basso, attestato ad appena 50 euro, quindi tale da poter essere facilmente conseguito dall’editore, a differenza di quelli proposti dalla concorrenza che sono spesso attestati al doppio, se non oltre;
  • la possibilità di vedersi corrispondere il dovuto su base settimanale, nel caso il proprio sito riesca a generare numeri di rilievo;
  • l’opportunità di far valutare il proprio sito per poter rientrare in una fascia Premium, all’interno della quale si possono avere premi ulteriori al conseguimento di determinati obiettivi;
  • la presenza di un supporto marketing effettivamente performante, in grado di affiancare al meglio l’editore e indicare eventuali strategie integrative in grado di aiutarlo a guadagnare;
  • la possibilità di accedere a bonus di benvenuto esclusivi e ad un aumento del 5% delle entrate nel caso in cui riescano a convincere altri publisher a percorrere la stessa strada.

Come si può facilmente notare, si tratta di una serie di opportunità tali da segnare un vero e proprio cambio di passo rispetto alle altre realtà che presidiano il marketing di affiliazione nel nostro Paese. Grazie alle quali Imperial Deal sta acquisendo un ruolo sempre più ampio e calamitando editori stanchi di non vedere premiati i propri sforzi.

A proposito di Imperial Deal

Imperial Deal si è formato nel corso del 2021, ovvero in un momento molto particolare per il settore delle scommesse sportive e del gambling, quello in cui si è iniziata ad affermare la ripresa dopo le difficoltà economiche generate dalla pandemia di Covid che ha costretto un gran numero di Paesi di ogni parte del globo a chiudere le attività economiche, in modo da contenerne i distruttivi effetti.

Con la ripresa economica gli appassionati del gioco d’azzardo hanno potuto riavere una forza di spesa che era stata letteralmente annichilita nel corso del 2020 e hanno riversato una quota rilevante di risorse nelle attività ludiche online. Basta infatti vedere le statistiche relative al settore in questione in Italia, ove le entrate sono tornate quasi a livelli pre-Covid, sfondando di nuovo il muro dei 100 miliardi di fatturato. In questa situazione gli operatori hanno deciso che era il momento di tornare alla caccia di nuovi utenti per le proprie piattaforme, affidandosi quindi a network di affiliazione in grado di dare garanzie sotto ogni punto di vista. Individuando proprio in Imperial Deal un interlocutore privilegiato.

Perché Imperial Deal si sta affermando con una forza sempre maggiore in Italia? Il motivo che è alla base di questo trend è da individuare nel fatto che al suo interno opera un team di esperti nel settore del gioco d’azzardo online e delle affiliazioni gambling. Un settore che è ormai da tempo nel pieno di una crescita che appare inarrestabile. Una squadra che vanta relazioni consolidate con quelle piattaforme che necessitano di reperire sempre nuovi clienti per riuscire a consolidare la propria posizione in una fascia di mercato estremamente concorrenziale. Basta in effetti vedere i nomi delle piattaforme che si sono affidate a Imperial Deal per capire meglio il livello della soluzione proposta: William Hill, Betfair, Bwin, 888, Gioco Digitale, Vincitù, Betnero, Betglag, Staryes, Leovegas, Fantasyteam, DoBet, ScommesseItalia e tanti altri.

La prima cosa che salta agli occhi osservando questa lista è che si tratta solo ed esclusivamente di piattaforme contrassegnate dal possesso di una licenza rilasciata da AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli Stato) o da ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli). Ovvero dall’autorità che pur cambiando il suo nome nel corso del tempo svolge la funzione di supervisione sul mondo dei giochi e delle scommesse lungo il territorio nazionale. Ne consegue che gli operatori che richiedono una licenza di questo genere devono essere in grado di dare vita ad un comportamento improntato alla trasparenza. Quindi truffe e raggiri sono assolutamente da escludere in questi casi.

Come guadagnare con Imperial Deal

Come è possibile guadagnare con Imperial Deal? Il network propone tre formule di remunerazione tra le quali il sito interessato può trovare quella più aderente alle proprie esigenze:

  1. CPA, acronimo di Cost per Action. In pratica l’editore del sito viene pagato per ogni clic il quale vada a sfociare nell’azione desiderata dal committente, che può essere la vendita di un bene o servizio, oppure il riempimento di un form con i dati personali dell’interessato e così via. Ogni volta che avviene l’azione al publisher viene corrisposta una provvigione una tantum, di varia entità, in base all’accordo conseguito;
  2. Revenue Sharing, che prevede invece la corresponsione di una percentuale sui guadagni generati dall’iscritto ad una determinata piattaforma. Come si può comprendere una formula di questo genere può risultare particolarmente vantaggiosa quando, come nel caso di Imperial Deal, ci si trova ad avere come interlocutore le piattaforme di scommesse sportive o giochi d’azzardo, ove i clienti possono restare per anni sul sito e continuare a giocare di continuo, con ottime probabilità di contribuire a far crescere il premio;
  3. formula ibrida, ovvero una via di mezzo tra le due che abbiamo appena elencato. In questo caso all’editore viene corrisposta una provvigione di entità più limitata rispetto a quella prevista nell’ambito del CPA, e una percentuale sui guadagni generati anche in questo caso più limitata rispetto a quella del Revenue Sharing.

Naturalmente sta all’interessato decidere quale di queste formule sia quella più rispondente alle proprie esigenze. Per chi punta ad avere entrate immediate più corpose, magari per rientrare più rapidamente delle spese sostenute per pubblicare il proprio sito, può convenire il CPA, mentre chi può permettersi di ragionare in un’ottica di lungo periodo potrebbe avere maggiori soddisfazioni dal Revenue Sharing. Infine la formula ibrida, che può rivelarsi una sorta di quadratura del cerchio per chi vuole guadagnare immediatamente senza chiudersi alle spalle porte che potrebbero rivelarsi foriere di soddisfazioni nel futuro.

Imperial Deal - Affiliazione Scommesse e Casinò
Imperial Deal – Affiliazione Scommesse e Casinò

Conclusioni

Per chi gestisce un sito è del tutto legittima l’aspirazione al guadagno, ovvero alla ricompensa per gli sforzi profusi nel tempo per dare vita ad una creazione di qualità, in grado non solo di richiamare un bacino di utenti, ma anche di spingerli a tornare in continuazione. Chi riesce in questo sforzo iniziale ha posto le basi affinché il suo sito possa rivelarsi appetibile per le aziende che devono vendere beni e servizi sul web.

Il discorso è valido soprattutto in un settore particolare come quello del gambling e delle scommesse sportive, che ormai si sta spostando con sempre maggiore forza sulla rete, spinto da due fattori ben precisi, la possibilità di pagare meno tasse rispetto all’attività portata avanti in maniera tradizionale e di andare incontro ad esigenze molto particolari di giocatori e scommettitori, ovvero quelle di poter giocare quando si vuole, magari in mobilità con il proprio smartphone, e poterlo fare in assoluta sicurezza.

Stiamo parlando di un settore che nel corso dell’ultimo anno ha cumulato nel nostro Paese circa 107 miliardi di euro. Un bottino che spiega la necessità da parte delle piattaforme ad esso collegate di avere la meglio su una concorrenza estremamente agguerrita. Ogni piattaforma è costantemente alla ricerca di nuovi clienti, sapendo che ognuno di essi, o quasi, potrebbe rivelarsi alla fine un ottimo affare, come è possibile dedurre dalle statistiche note, in base alle quali la stragrande maggioranza degli appassionati giochi e scommesse è destinato a soccombere di fronte al banco.

In questa particolare situazione si è andato a inserire nel corso degli ultimi anni il marketing di affiliazione, spinto in particolare dalle delusioni degli editori di fronte a programmi di advertising come Adsense e affini, i quali si sono spesso rivelati un affare esclusivamente per le concessionarie. Per chi gestisce un sito questa tecnica può rivelarsi un vero affare, a patto di scegliere bene la propria controparte. Ad esempio optando per Imperial Deal, network sorto da poco (nel 2021), ma già capace di farsi notare per la notevole professionalità con cui è solito portare avanti il suo programma di affiliazioni.

Le caratteristiche che hanno sospinto il suo successo sono in particolare la possibilità di legare il destino del proprio sito a quello degli operatori del gioco d’azzardo e delle scommesse sportive, modalità di remunerazione innovative, un servizio di assistenza continuo e professionale e la tendenza a condividere i possibili guadagni che troppo spesso fa difetto alla concorrenza. Proprio per questo motivo l’azienda è non solo riuscita a conseguire in poco tempo una posizione di rilievo nell’affiliate marketing, ma anche a porre le migliori basi per una ulteriore crescita nell’immediato futuro. Chi intende sfruttare questa opportunità può farlo con molta semplicità, prendendo contatto diretto con il network. Il resto verrà praticamente da solo.

L’iscrizione è completamente gratuita e non è necessario alcun requisito.

🔥 Miglior bonus del momento5250€ su Sisal