Contatti - Pubblicità - Collabora con noi - Privacy e Cookie Policy - Disattiva Notifiche Push

⚽️ SCARICA GRATIS L'APP DEI PROFESSIONISTI DEL FANTACALCIO
Oddschecker

Mondiali 2018: come scommettere sull’Inghilterra

Harry Kane, Inghilterra
GoldBet

Prosegue la nostra rassegna sulle squadre che parteciperanno ai Mondiali in Russia, in vista del calcio d’inizio del 14 giugno, quando avrà luogo la gara tra Russia e Arabia Saudita. Stavolta sotto la lente d’ingrandimento è l’Inghilterra, ovvero la nazionale che rappresenta il Paese in cui il football è nato.

Una primogenitura che spinge l’opinione pubblica a guardare sempre con grande attenzione la nazionale dei Leoni, anche perché siamo pur sempre di fronte alla rappresentanza di quello che è considerato il torneo nazionale più importante in assoluto, ovvero la Premier League.

Naturalmente anche chi ama scommettere sul calcio scruta con molto interesse tutto quello che ruota intorno ai Maestri, per cercare di capire se sia il caso di puntare su di essi, o meno. In tal senso segnaliamo GoldBet, che offre un gran numero di giocate in Antepost. Il celebre bookmaker, inoltre, offre ai nuovi clienti un bonus di benvenuto di 50€ + 5€. Una proposta da valutare con estrema attenzione, per chi sia alla ricerca della piattaforma giusta in vista della kermesse russa.

Un blasone molto stinto

Come abbiamo già ricordato, da un punto di vista prettamente storico la squadra inglese è uno dei motivi di attrazione di ogni edizione del Mondiale. A conferirgli questo ruolo è proprio il ruolo ricoperto nella storia dello sport pedatorio, quello di Paese in cui il calcio moderno ha mosso i suoi primi passi, tale da farne una sorta di mito fondante strettamente intrecciato con essa.

Eppure, nel corso della sua storia l’Inghilterra ha vinto una sola edizione della kermesse iridata, quella casalinga del 1966, costellata di furiose polemiche per la direzione arbitrale della finalissima con la Germania Ovest. Se nel periodo precedente alla Seconda Guerra Mondiale i Leoni non si degnavano di giocare la competizione, limitandosi a sfidare la vincente, nel secondo dopoguerra le cose sono cambiate e i bianchi hanno iniziato a capire che il resto del mondo non era stato certo a guardare e ad inanellare una serie di magre clamorose, partendo dall’incredibile eliminazione del 1950, per mano degli Stati Uniti.

Dopo la contestata vittoria del 1966, sono poi arrivate addirittura le eliminazioni nei gironi preliminari (nel 1974 ad opera della Polonia, quattro anni dopo ad opera dell’Italia), che hanno confermato come il blasone, oltre a non bastare, fosse ormai molto stinto. Un andazzo confermato peraltro da quanto accaduto in Brasile, ove l’Inghilterra ha condiviso con l’Italia il clamoroso rovescio del girone eliminatorio, venendo eliminata dalla vera e propria Cenerentola rappresentata dal Costa Rica.

Le prospettive

L’Inghilterra che si presenta ai Mondiali di Russia, come al solito, lo fa tra gli squilli di tromba. Resta però da capire quanto essi siano giustificati. In effetti il roster agli ordini del selezionatore Southgate sembra ben assortito, con un notevole mix tra atleti ormai affermati e giovani promesse sulla rampa di lancio. Gli atleti più in vista sono i centrocampisti Dele Alli e Jordan Henderson, e gli attaccanti Harry Kane e Raheem Sterling, cui si affiancano i vari Walker, Dier e Rashford.

Le speranze del team riposano soprattutto sulla vena realizzativa di Kane, attaccante del Tottenham che ormai da anni è il pericolo pubblico numero uno per le difese della Premier League. Se si confermasse sui suoi livelli, l’Inghilterra potrebbe dare vita ad un notevole percorso, almeno sino ai quarti, considerando che l’ottavo di finale dovrebbe vederla contrapposta a una delle squadre provenienti dal gruppo H (Colombia, Senegal, Polonia e Giappone). A quel punto, l’Inghilterra potrebbe incrociare Germania o Brasile e si potrà effettivamente capire la sua reale consistenza.

Le quote di GoldBet

Quali sono le quote più interessanti sull’Inghilterra? GoldBet contribuisce a dare una prima idea quotando la vittoria del gruppo eliminatorio a 2,20. Si tratta di una quota interessante, dovuta in particolare alla presenza del Belgio, altra formazione che non nasconde grandi ambizioni in questa rassegna iridata.

Ma notevolmente più appetibile è il 17,00 che saluterebbe la vittoria dell’Inghilterra nel Mondiale, una quota che pone i Leoni al settimo posto, ma con addirittura dieci punti in meno rispetto al Portogallo di Cristiano Ronaldo. Mentre è dato a 7,00 un eventuale piazzamento sul podio, che pure può essere considerato, almeno nelle previsioni della vigilia, l’obiettivo massimo degli uomini di Southgate.

Per quanto riguarda invece i singoli, conviene partire proprio da Harry Kane, la cui leadership nella graduatoria dei cannonieri è data a 16,00, una quota notevole e quindi tale da invogliare gli scommettitori più creativi. A precederlo nelle quote di GoldBet sono Messi (10), Neymar (11), Griezmann (13), Gabriel Jessu e Werner (15). Sempre l’attaccante del Tottenham è poi quotato a 35,00 nella graduatoria riservata la miglior giocatore della rassegna, precedendo Alli che viene invece quotato a 75,00. Infine segnaliamo il 75,00 che andrebbe a premiare Butland in qualità di miglior portiere della rassegna, che però sembra più che altro un pio desiderio, considerato lo scetticismo che gira intorno al portiere dello Stoke City, indicato da più parti come il possibile anello debole della catena.

Se vuoi provare un nuovo bookmaker, te ne consigliamo uno che è arrivato da poco in Italia, ma che si sta già imponendo tra i migliori in assoluto. È Sky Bet, il sito di scommesse della nota piattaforma televisiva che sta entrando prepotentemente nel cuore degli scommettitori grazie ad una grafica molto intuitiva, un palinsesto ricco e delle quote più alte della media. In più, Sky Bet offre ai nuovi clienti un bonus di benvenuto di 225€. Provare per credere.
Ti è piaciuto l’articolo?
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
Correzioni, suggerimenti o commenti? Contattaci

Send this to a friend