888sport 100€ Sisal Matchpoint 315€ SNAI 305€
💌 Vuoi ricevere i nostri PRONOSTICI GRATIS via email?
GoldBet 100€ Betfair 210€ Eurobet 215€

Il Pagellone di Colucci: Verona al Top, Sarri si è incartato. I muri che tremano… firmato Conte!

Ivan Juric, allenatore Verona

La Serie A è arriva a giocare la ventitreesima giornata di campionato, ha rimescolato le carte in tavola con una vetta del campionato sempre più incerta. Il ko della Juventus a Verona, le vittorie di Inter nel derby e Lazio sul Parma, hanno disegnato il vertice con tre squadre in un punto. In questo articolo diamo spazio al meglio e al peggio di quanto visto nel 23esimo turno, con un pagellone vero e proprio, a tratti anche ‘goliardico’ e fatto per strappare magari anche una risata, andando in ordine decrescente da 10 a 0. Eccolo di seguito:

VOTO 10 – Al super Verona di Ivan Juric, capace in quattro giorni di imporre lo 0-0 alla Lazio e di battere2-1 la Juventus al Bentegodi. Di questi tempi, nella passata stagione, si temeva per un posto nei playoff di Serie B. Adesso si gioca per un piazzamento in Europa League, al sesto posto e un panorama capovolto. VERONA AL TOP

VOTO 9 – Al secondo tempo dell’Inter nel Derby contro il Milan e alle parole di Antonio Conte che sicuramente avranno fatto tremare gli spogliatoi di San Siro. Nerazzurri irriconoscibili e poi trasformati. Una vittoria che vale l’aggancio alla Juventus per una notte speciale. Da una possibile ‘imbarcata’, parola usata dallo stesso tecnico, all’apoteosi finale. GENERALE CONTE

VOTO 8 – Al coraggio di Sinisa Mihajlovic e a quello del suo Bologna. La formazione felsinea vince contro la Roma e si porta in zona Europa League, dimostrando gioco, spensieratezza e voglia di non accontentarsi. Sognare non costa nulla e in una stagione particolare come questa, per quello che tutti sanno, è già una gran cosa. CORAGGIOSO

Sinisa Mihajlovic, allenatore Bologna

VOTO 7 – A Gaston Ramirez e alla sua prestazione scintillante che ha contribuito in maniera determinante al 3-1 della Sampdoria sul campo del Torino. Si trasforma in Gastone Paperone, il cugino dello ‘sfigato’ Paperino, che ovunque ci sia qualcosa da vincere la vince lui. E dopo un paio di parate di Sirigu, l’uruguaiano trasforma in oro con due giocate la notte blucerchiata. GASTONE

VOTO 6 – A Gianluca Lapadula finalmente decisivo anche in Serie A. L’attaccante del Lecce sta diventando decisivo per alimentare le speranza salvezza dei salentini, a segno con una doppietta anche a Napoli. Prima da opportunista, poi una torsione area da numero 9 da top club. LAPAGOL

VOTO 5 – Al Milan di Stefano Pioli, una media tra un ottimo primo tempo e una ripresa da comparsa o quasi. I rossoneri si affidano a Ibrahimovic e non può essere positivo questo. Lo svedese fa ancora la differenza, ma se il resto si ‘addormenta’ allora diventa dura. INCUBO DERBY

VOTO 4 – All’esordio di Moreno Longo come allenatore del Torino. Sicuramente non vorrà più avere di fronte la Sampdoria, che continua a dargli dispiacere. Nella passata stagione Frosinone-Sampdoria finì 0-5, con proprio Longo sulla panchina dei ciociari. E i blucerchiati gli fanno ancora male alla ‘prima’ da coach dei granata. BASTASAMP

VOTO 3 – All’ennesima rimonta subita dalla Spal di Leonardo Semplici che si sta complicando maledettamente la vita in ottica salvezza. Specie al Mazza, dove vincere è diventato una specie di tabù, non si contano più i punti persi da situazione di vantaggio. E anche col Sassuolo finisce male. Al termine della sfida contestazione dei tifosi e Semplici, questa volta sì, davvero in bilico. RIMONTATA

Smalling, difensore della Roma

VOTO 2 – A Chris Smalling e alle sue ultime prestazioni che, dalle parti di Manchester, sponda United, hanno visto spesso. Un girone di andata quasi perfetto e sorprendente, ma nel 2020 un errore dietro l’altro. Da Smalling a Smarriting, come smarrito, è stato un attimo. Buchi difensivi a ripetizione, come quello che spalanca la porta al primo gol del Bologna nel ko interno per 3-2. Sicuro che i 18 milioni di euro chiesti a Petrachi dai Red Devils per il riscatto siano un affare? SMARRITING

VOTO 1 – Alla difesa del Napoli che continua a sbandare come se non ci fosse un domani. Da Ancelotti a Gattuso non sembra essere cambiato molto, con una difesa sempre bucata con grande facilità. Dopo i 2 gol subiti dalla Samp (3 con quello annullato a Ramirez col VAR), altri 3 dal Lecce per un altro ko interno. DIFESA COME BURRO

VOTO 0 – A Maurizio Sarri e ad una Juventus che sembra peggiorare col passare del tempo, invece di migliorare. Il tecnico dei bianconeri sembra davvero essere andato in confusione, specie incartandosi sull’equivoco di chi schierare tra Dybala e Higuain. Quest’ultimo la sta spuntando spesso nelle ultime partite, ma non sembra proprio essere la scelta giusta. Con danni non indifferenti. INCARTATO

Nato a Martina Franca (TA) nel 1982, sono laureato in Giurisprudenza. La mia passione per il calcio è sconfinata, sin da piccolo vedevo con grande felicità le partite in tv. Tifoso della Samp, sono cresciuto a pane, Vialli e Mancini. Adesso avere la possibilità di raccontare e scrivere di calcio per Bottadiculo.it è un sogno che diventa realtà.Seguimi su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram.
Send this to a friend