Sbostats Il banco vince sempre? Studia la sua statistica SCOPRI ORA!

Contatti - Redazione - Pubblicità - Policy - Disattiva Notifiche - Archivio News

Picciuli Conosci l'Arbitraggio Sportivo? Impara a guadagnare con le Surebet
Advertising

Il Pagellone di Colucci: Atalanta come il Leicester. Massa anticipa Halloween, Lukaku cosa fai?

Esultanza Atalanta
Advertising

La Serie A è arrivata a giocare la settima giornata di campionato, con la Juventus che si è presa la vetta della classifica andando a vincere per 2-1 al Giuseppe Meazza contro l’Inter. Per il resto ancora grande Atalanta al terzo posto con 16 punti, mentre deludono Napoli e Roma. In fondo alla classifica resta la Sampdoria in solitaria con 3 punti e in grandissima difficoltà. In questo articolo, invece, diamo spazio al meglio e al peggio di quanto visto nel settimo turno, con un pagellone decisamente ‘goliardico’ andando in ordine decrescente da 10 a 0. Eccolo di seguito:

VOTO 10 – A Sinisa Mihajlovic per la sua tenacia di tornare in panchina poche ore dopo aver finito il secondo ciclo di cure per sconfiggere la leucemia. Ma anche per il gioco dato al suo Bologna che, dalle parti del Dall’Ara, avevano dimenticato da un pezzo. Giocatori che scattano in continuazione, movimenti armonici e trame di gioco da grande squadra. Il 2-2 con la Lazio uno spot per il calcio. Un Mihajlovic così è solo da applausi. Chapeau. GUERRIERO

Sinisa Mihajlovic, allenatore Bologna

VOTO 9 – A Gonzalo Higuain che, due stagioni dopo, torna decisivo al Meazza contro l’Inter e nella stessa porta. Quella volta Sarri perse lo Scudetto nell’albergo di Firenze, questa volta gioisce per la rete decisiva all’81’ contro i nerazzurri. Un destro da tre punti per riportare la Juventus in vetta al campionato e scavalcare proprio il grande ex di turno, Antonio Conte. Il Pipita ‘triste’ di Milan e Chelsea è storia, ora è l’Higuain che non sbaglia più. DECISIVO

VOTO 8 – All’Atalanta e a Duvan Zapata. In Champions League le cose non vanno bene, ma in Serie A viaggia che è una meraviglia. Non fosse per la forza della Juventus, la ‘banda’ di Gasperini potrebbe diventare a pieno titolo il nuovo Leicester della Serie A. L’impresa delle Foxes portò al titolo in Premier League, quella dell’Atalanta? Prima in Champions League, adesso si vedrà… E per Zapata che dire: un giocatore di football americano prestato al calcio. Un armadio a due ante diventato ormai bomber di razza.  FANTASTICA/O

VOTO 7 – A Ciro Immobile, tornato ormai verosimilmente quello di due stagioni fa quando segnò 29 gol. L’attaccante campano della Lazio sta segnando a raffica, già 7 in 7 partite di campionato, più uno in Europa League nell’unica presenza sin qui. Dunque fanno 8 in 8 partite. Magari c’è da litigare più spesso con Simone Inzaghi? RIGENERATO

esultanza Lazio Immobile Correa

VOTO 6 – A Pepe Reina e alla sua prestazione del Ferraris. Il voto è la media delle due giocate che hanno contraddistinto il suo match contro il Genoa. Il 4, e siamo generosi, per la clamorosa papera che dà il vantaggio al Genoa con la punizione forte ma centrale calciata da Schone. E l’8 per la parata sul calcio di rigore calciato al 90’ dallo stesso ex Ajax. Dalle stalle alle stelle, da portiere ‘bestemmiato’ a portiere ‘esaltato’. CROCE E DELIZIA

VOTO 5 – Al match dell’Olimpico fra il Torino di Walter Mazzarri e il Napoli di Carlo Ancelotti. Partita senza troppe emozioni, in cui le uniche emozioni le regalano le espressione a bordo campo dei due tecnici. Mazzarri spesso con le mani in faccia, Ancelotti preso dal masticare sempre più velocemente il classico chewing gum. Tanti sbadigli e occasioni col contagocce. SBADIGLI

VOTO 4 – A Romelu Lukaku e alle sue ‘mancate’ giocate nel super match Inter-Juventus. Il belga sbaglia qualche scelta di troppo, facendo infuriare anche Conte, che lo ha voluto a tutti i costi. Errori anche tecnici, quasi a sentire troppo il peso della partita. E alla fine il suo apporto è praticamente nullo e inutile alla causa. I 70 milioni di euro spesi da Suning pesano e non poco, da oggi un po di più. In sostanza, Lukaku cosa fai? SPAESATO

VOTO 3 – All’arbitro Maurizio Mariani e alla sua direzione di gara in Genoa-Milan. Non convince assolutamente, concede un rigore al Milan discutibile ed espelle severamente Biraschi. Poi, per ‘rimediare’, ne dà anche uno al Genoa al 90’ decisamente dubbio, che Reina sventa. Un match in cui espelle due giocatori in campo e due dalla panchina, invitando tutti alla ‘sagra’ del cartellino rosso. CONFUSIONARIO

VOTO 2 – A Krzysztof Piatek e alla sua prestazione contro il Genoa. L’attaccante polacco non rivede la luce nemmeno nello stadio che l’ha lanciato nel grande calcio. Il rossoblu non lo rivitalizza, anzi lo fa affondare definitivamente. Sostituito dopo 45 minuti, Leao impiega 5 minuti per fare meglio del numero 9. Spetterà a lui smentire chi parla di fuoco di paglia e di maledizione del 9 sulla maglia. DISPERSO

Krzysztof Piątek, Milan

VOTO 1 – Alla Sampdoria e ad Eusebio Di Francesco. I blucerchiati si esercitano nell’ennesima ‘scampagnata’ di questo nefasto avvio di stagione. La squadra ligure sembra formata da 11 giocatori di terza categoria, con tutto il rispetto per quest’ultimi, che s’incontrano nel dopo lavoro per allenarsi e giocare. E non certamente professionisti lautamente pagati mese dopo mese. Ultimo posto con 3 punti, peggior difesa e peggior attacco. E Di Francesco in tilt completo tra cambi di modulo e nessuna certezza. NON PERVENUTO

VOTO 0 – Al finale di Roma-Cagliari, dove succede di tutto e il contrario di tutto. Il gol annullato a Kalinic scatena il putiferio all’Olimpico, con l’arbitro Davide Massa che si ‘dimentica’ di andare a visionare le immagini al VAR. Una gestione incomprensibile dell’episodio, passando dal convalidare il gol, facendo chiaramente il gesto del ‘no’ sulle proteste dei difensori sardi, all’annullamento del gol bypassando il VAR. Poi le proteste di Fonseca e quelle del suo collaboratore Nuno Romano, con quest’ultimo ad applaudire con scherno l’arbitro di Imperia. Finale da horror e da notte di Hallowen, peccato però che manchino ancora 24 giorni per arrivare alla ‘notte delle streghe’. STREGATO

Voti Fantacalcio Serie A 7ª Giornata: Pagelle, Gol e Assist della Gazzetta dello Sport

Ti è piaciuto il nostro articolo? Scrivi la tua opinione nei commenti! 👇

Advertising

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nato a Martina Franca (TA) nel 1982, sono laureato in Giurisprudenza. La mia passione per il calcio è sconfinata, sin da piccolo vedevo con grande felicità le partite in tv. Tifoso della Samp, sono cresciuto a pane, Vialli e Mancini. Adesso avere la possibilità di raccontare e scrivere di calcio per Bottadiculo.it è un sogno che diventa realtà.Seguimi su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram.

Send this to a friend