Contatti - Pubblicità - Collabora con noi - Privacy Policy - Cookie Policy

Miglior Bonus per scommettere sui Mondiali: 225€ Sky Bet
Oddschecker

Perché scommettere sui campionati meno conosciuti può essere una tattica vincente

Pallone da calcio
GoldBet

Una delle ricerche che va per la maggiore tra gli appassionati di scommesse sportive è senza ombra di dubbio quella relativa alle tecniche scommesse : Masaniello, Martingala, Draw No Bet, Formula di Kelly sono solamente alcuni tra i termini più ricercati, e corrispondono ognuno ad una particolare metodologia o schema da applicare con costanza nelle nostre giocate, per avere un rendimento costante e positivo nel medio-lungo termine.

Non vogliamo addentrarci troppo sul discorso relativo alla qualità ed all’efficienza di una tecnica piuttosto che un’altra e nemmeno vogliamo darvi consigli su quale sia la tecnica migliore, anche perchè sarebbe un’indicazione piuttosto relativa e con poco peso specifico, dato che ogni metodologia ha i propri presupposti e condizioni di applicazione e spesso si rivolge a tipologie di giocatori diverse e con budget differenti. Certamente, tutte le tecniche scommesse più famose sono frutto di studio ed applicazione, quindi a livello teorico sono certamente tutti metodi validi e in un certo qual modo sicuri.

Tuttavia, come già anticipato, spesso e volentieri per applicare un metodo ed ottenere risultati servono risorse economiche non indifferenti ed una certa applicazione nel tempo. Per questo molto spesso le tecniche risultano all’atto pratico fuori portata per lo scommettitore principiante o comunque per lo scommettitore-medio. A questo punto conviene cercare suggerimenti utili per ottimizzare le proprie giocate e massimizzare i profitti in base al proprio investimento.

Uno dei consigli che a nostro avviso può essere molto utile è quello di studiare e diventare “esperti” di quei campionati che possiamo definire senza che nessuno si offenda, come tornei “minori” se confrontati con Serie A, Premier League, Bundesliga e Liga. Ci riferiamo solo a livello esemplificativo all’Allsvenskan svedese, oppure alla Superligaen danese, alla Eliteserien Norvegese, alla Premier League islandese o ai vari campionati polacco, ungherese, australiano, colombiano etc

Se andiamo a fare un semplice confronto, non possiamo non notare la caratteristica principale di questi campionati rispetto a quelli più famosi, ovvero il notevole divario esistente tra poche, in alcuni casi addirittura pochissime, squadre “forti” ed il resto delle partecipanti, a differenza per esempio della Premier League, dove può sempre succedere che il West Ham a metà classifica blocchi lo United, oppure che il WBA ormai spacciato faccia la partita della stagione contro il Liverpool facendoci saltare la schedina.

Se da un lato è vero che le quote che coinvolgono le squadre principali non sono mai particolarmente alte, come del resto succede anche con gli altri campionati, è altrettanto vero che la percentuale di rischio è notevolmente più bassa rispetto ad un Napoli – Chievo della nostra Serie A. La naturale conseguenza è che prendere queste partite e comporre una multipla che abbia un discreto moltiplicatore finale è operazione tuttaltro che complicata.

Inoltre, più diventeremo esperti di un campionato e delle sue vicende, più riusciremo ad individuare quote favorevoli anche sulle partite secondarie, magari puntando sulla squadra rivelazione della stagione e che tante soddisfazioni potrebbe darci. Vi faccio un esempio molto semplice : la scorsa stagione in Allsvenskan, il massimo campionato svedese, l’Hacken, che veniva da un decimo posto nella stagione precedente, si è a sorpresa piazzata al quarto posto, perdendo solamente 6 partite su 30 e praticamente tutte con squadre che l’hanno preceduta in classifica. Le quote su questa squadra erano sempre discrete (media dell’1.80) anche quando l’avversario navigava nei bassifondi della classifica, ed ecco quindi che conoscere le vicende del campionato svedese ed in particolare dei “Gialloneri di Hisingen” poteva portare moltiplicatori piuttosto elevati ma con un concreto grado di rischio molto basso alle nostre schedine.

Diventare attenti conoscitori di un campionato che non va per la maggiore quindi può rivelarsi implicitamente una tecnica vincente, ed oltretutto con un dispendio di tempo minimo, dato che al giorno d’oggi è possibile trovare in rete numerose informazioni, consigli e pronostici anche su questi tornei, per esempio su siti come Pronosticisulweb.com che propone tra le sue sezioni anche le previsioni su alcuni dei campionati che abbiamo elencato sopra.

Buoni scommettitori non si nasce, ma si diventa con passione ed applicazione, allargando il proprio palinsesto anche agli eventi meno conosciuti ma che possono avere quote migliori degli altri, ricordandosi sempre però che al di là di incassi, perdite, tecniche e sistemi, la prima regola fondamentale è sempre quella di giocare responsabilmente.

Articolo Scritto da Davide Furini, members staff di Pronosticisulweb

GoldBet
SEGUI BOTTADICULO SU FACEBOOK     
Ti è piaciuto l’articolo?
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
Correzioni, suggerimenti o commenti? Contattaci

Send this to a friend