ADM, Gioco responsabile, 18+ Il gioco è vietato ai minori di 18 anni. Può causare dipendenza.
200€ 5250€ 100€

Quali sono i calciatori più costosi della storia?

Bottadiculo

Le spese pazze che hanno caratterizzato l’ultimo calciomercato estivo, in particolare le acquisizioni di Neymar e Mbappè da parte del Paris Saint Germain, hanno riproposto il tema relativo ai costi spesso esorbitanti delle stelle del football mondiale. Se però la lievitazione dei costi dell’estate ha destato scalpore, va ricordato che si tratta di un tema ormai vecchio e che spesso ha provocato non poco stupore negli stessi appassionati di calcio. Un tema in cui un ruolo di spicco spetta proprio al nostro Paese.

Jeppson, l’oro di Napoli

Il primo caso a destare grande scalpore nel nostro Paese fu quello che vide protagonista Hasse Jeppson, potente attaccante svedese che caratterizzò l’estate del 1952, quando la cifra sborsata dal Napoli per prelevarlo dall’Atalanta, 105 milioni, spinse i tifosi partenopei a ribattezzarlo Banco di Napoli. Una cifra che sollevò grande clamore in quanto per la prima volta veniva oltrepassata la soglia psicologica dei 100 milioni, in un Paese che stava riprendendosi dalle ferite del conflitto mondiale.

Sormani, che delusione

Altro caso clamoroso fu poi quello che vide protagonista Angel Benedicto Sormani, mezzala del Mantova che nell’estate del 1963 fu acquistato dalla Roma per la cifra record di 500 milioni, dei quali 250 in contanti e gli altri sotto forma dei cartellini di Schnellinger, Salvori e Jonsson. Anche in questo caso veniva superata una soglia psicologica, quella del mezzo miliardo, dando vita ad un’operazione che apriva in pratica la crisi di bilancio della squadra capitolina, costretta negli anni successivi a dare via tutti i pezzi migliori per chiudere la falla aperta da un’operazione fallimentare. Sormani, infatti, segnò soltanto sei reti con la Roma e venne ceduto alla fine della stagione.

Savoldi, mister due miliardi

Ancora il Napoli fu a sua volta protagonista di un’altra clamorosa operazione, quella che nell’estate del 1975 portò Beppe Savoldi sotto il Vesuvio. Operazione resa clamorosa dal fatto che la cifra sborsata da Ferlaino, due miliardi, andava a pareggiare il milione di sterline che segnava in pratica il record mondiale per i trasferimenti dell’epoca. Una cifra comunque ripagata in pieno dall’ex attaccante del Bologna, che divenne negli anni successivi il terminale offensivo dell’ottimo Napoli di Vinicio.

Zidane e Pogba: la Juventus vende

Molto particolare è invece il caso della Juventus, società che da sempre è considerata la più allegra in assoluto per quanto concerne le politiche di compravendita. Proprio il club sabaudo vanta però la chiusura di due cessioni da record, quelle di Zidane al Real Madrid, in cambio di 150 miliardi che, nel 2001, erano il record mondiale, e quella di Pogba al Manchester United, nell’estate del 2016, per 105 milioni di euro. Un record poi eclissato da Neymar.

Stanco di perdere?
Crea le tue schedine utilizzando la prima statistica al mondo sui risultati legati alle quote. Inizia a piazzare la tua giocata seguendo il metodo del banco ed aumenta la tua possibilità di vincere! PROVALO SUBITO
Sbostats
🔥 Miglior bonus del momento: 750€ su Better + 1000 premium points